Lucravano sui cuccioli di cane e tartarughe: 3 persone denunciate

Lucravano sui cuccioli di cane e tartarughe: 3 persone denunciate

0
SHARE

Tutto ha avuto inizio nel maggio scorso quando un allevatore di cani  di Biancavilla (CT) ha posto in vendita, tramite un portale on line,  tre magnifici  cuccioli nati  dall’accoppiamento di due Volpini Spitz di razza. All’annuncio  risponde un signore di Catania che, mediante  una terza persona,  acquista i cuccioli rilasciando un assegno di 1.700  euro. Peccato che l’assegno risulti scoperto. Immediata la denuncia ai Carabinieri della locale Stazione che  pian piano hanno ricostruito l’accaduto ed attraverso la targa dell’auto guidata dall’intermediario,  che aveva di fatto  portato a termine la compravendita, ed alcuni riscontri incrociati sulle identità dei personaggi emersi, alcuni giorni fa hanno individuato il luogo dove avrebbero potuto essere nascosti i cagnolini. Avuta la collaborazione del personale della Guardia Forestale e del servizio veterinario dell’ASP di Catania i militari, su delega dell’ Autorità Giudiziaria,  si sono recati nel quartiere di  San Giovanni Galermo a Catania  e perquisendo la proprietà  hanno ritrovato uno dei tre cuccioli, 45 tartarughe di terra, detenute illegalmente, e  stipate una sull’altra in delle cassette, nonché 6 cani, di cui due privi di chip, ospitati in precarie condizioni igienico sanitarie.

Il cucciolo di volpino è stato restituito alla figlioletta del proprietario originario, le tartarughe, prese in consegna dagli uomini del corpo forestale, saranno rimesse in libertà nel loro habitat naturale, mentre sono in corso alcune verifiche da parte del servizio veterinario per stabilire i provvedimenti da adottare per salvaguardare i rimanenti cani ritrovati nella proprietà.  Si provvederà altresì nei prossimi giorni a rintracciare le persone a cui sono stati venduti gli altri due cuccioli.  Truffa, maltrattamento di animali e furto aggravato (l’abitazione e le relative pertinenze erano abusivamente allacciate  alla rete elettrica pubblica)  i reati  contestati a due coniugi  catanesi  B.L. e T.C., lui già agli arresti domiciliari per altri reati, ed una terza donna S.C., madre dell’uomo.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *