M5S, l’esclusione Dalli Cardillo: “Fuori per il caso La Gaipa, sono stato tradito”

Giuseppe Castaldo

Agrigento

M5S, l’esclusione Dalli Cardillo: “Fuori per il caso La Gaipa, sono stato tradito”

Saranno resi noti questa sera - all’interno del raduno del “Villaggio Rousseau” di Pescara - i risultati delle votazioni online delle “Parlamentarie”, il meccanismo su supporto digitale che permette alla “base” degli iscritti al Movimento di scegliere i candidati alla prossima tornata elettorale del 4 marzo
Pubblicato il Gen 21, 2018
M5S, l’esclusione Dalli Cardillo: “Fuori per il caso La Gaipa, sono stato tradito”

Erano tre le preferenze che ciascun iscritto poteva esprimere nei confronti di un candidato. Un sistema sicuramente innovativo nel panorama democratico italiano che – però – ha presentato anche alcune problematiche “tecniche”: soprattutto nelle prime ore di mercoledì – primo giorno di votazioni – la piattaforma è andata in tilt, con molti ritardi e il verificarsi anche di situazioni “particolari”. Sono state diverse, infatti, le testimonianze di persone che si sono ritrovate inspiegabilmente candidate nelle fila del Movimento o – viceversa – esclusioni anche “rumorose”. Per quest’ultime, soprattutto per quanto riguarda i diretti interessati, si è pensato inizialmente fossero dovute a meri errori “tecnici”.

In provincia di Agrigento l’esclusione eccellente è sicuramente quella dell’avvocato Emanuele Dalli Cardillo, già candidato tra le fila grilline a guidare la Città dei Templi. Come da lui stesso annunciato su Facebook il suo nome non era tra i candidati: “Ai tantissimi amici che mi hanno contattato, posso solo dire che il mio nome non è tra i candidati al Senato, mi si dice per mero errore . Aspettiamo sviluppi.” In verità, subito dopo il voto, anche il deputato regionale del M5S, Giovanni Di Caro, aveva espresso – sempre su Facebook – ad una valutazione: “Un sistema informatico, comunque complesso, che anziché velocizzare e semplificare complica e rallenta un processo, è un sistema informatico che ha fallito il suo scopo primario. Tutto il resto conta poco.”  Sviluppi che comunque sono arrivati in serata dal blog del Movimento Cinque Stelle che ha voluto spiegare il “caso delle esclusioni”: “Le regole che hanno accettato tutti coloro che hanno proposto la candidatura erano molto chiare e molto rigide. Sono state applicate in maniera severa. Alcuni si sono lamentati dell’esclusione dalle liste, è vero. È stato fatto per tutelare al massimo il MoVimento 5 Stelle. Per esempio anche il turpiloquio nei confronti degli avversari politici a mezzo social è stato considerato ostativo ai fini della candidatura. Inoltre era richiesto ai sensi dello Statuto e del Codice Etico di astenersi da comportamenti che possano pregiudicare l’immagine o l’azione politica del MoVimento 5 Stelle e attenersi a criteri di lealtà e correttezza nei confronti degli altri iscritti, di mantenere comportamenti eticamente ineccepibili, anche a prescindere dalla rilevanza penale degli stessi. Stare nel MoVimento 5 Stelle d’altronde non è finalizzato alla Candidatura.”

Sembra avere le idee più chiare lo stesso Dalli Cardillo che, in una intervista rilasciata a “Repubblica”, sembra aver capito la motivazione che sta alla base della sua esclusione. Questo quanto si legge sul quotidiano.

«Avevo avvisato Cancelleri dell’estorsione che Fabrizio La Gaipa aveva fatto a un dipendente del suo albergo, tra l’altro un attivista 5 stelle (La Gaipa ha chiesto di patteggiare una pena a due anni, ndr). Lo avevo avvisato un mese prima della consegna delle liste per le Regionali. Non mi ha ascoltato. E per giunta adesso mi hanno escluso delle parlamentarie senza alcuna motivazione».

Perché è stato escluso?

«Non lo so. Ho chiesto lumi ai “padroni” dei 5 stelle in Sicilia, Cancelleri e Corrao, e l’unica cosa che mi hanno detto è che “ha deciso il capo politico”».

Secondo lei cosa è successo?

«Guardi, due più due fa quattro. Io sono stato candidato sindaco ad Agrigento per il Movimento, e sono un attivista storico. Prima delle Regionali, avevo avvisato sia lo staff nazionale sia Cancelleri che nelle nostre liste rischiavamo di candidare un imprenditore che faceva estorsioni ai suoi dipendenti. Non solo non mi hanno ascoltato, ma da allora sono stato messo all’angolo».

Scusi, dell’indagine su La Gaipa si è saputo dopo le elezioni. Lei come faceva a conoscere prima la vicenda?

«Perché il dipendente estorto, Ivan Italia, è un attivista. Il 24 luglio scorso, dopo essere stato convocato dalla squadra mobile e aver confermato le estorsioni subite, mi ha chiamato e mi ha raccontato tutto. Subito ho inviato un’email al Movimento nazionale e due messaggi a Cancelleri».

Cosa le hanno risposto?

«Nulla. Anzi, dopo la mia segnalazione sono arrivati ad Agrigento per la campagna elettorale Di Maio e Di Battista.Ebbene, Cancelleri li ha fatti dormire nell’albergo di La Gaipa. Ha fatto la campagna contro gli impresentabili, ma lui sapeva di averne uno in lista».

Ma questo cosa c’entra con la sua esclusione dalle Politiche?

«Ma lo sa che Italia, dopo che La Gaipa è stato arrestato e ha chiesto il patteggiamento, confermando tutto, non ha ricevuto una sola telefonata da Cancelleri o dai leader del Movimento? E le sembra normale che io, che ho le carte in regola, sia stato messo alla porta senza alcuna giustificazione? Penso che ci vogliano far pagare la vicenda La Gaipa che ha danneggiato sicuramente il Movimento».

Lei rimarrà nei 5 stelle?

«Mi sento pugnalato alle spalle. Ho dato la vita in questi sei anni per il Movimento. Adesso una parte di me è morta: mi sono speso per un ideale e sono stato tradito. Nei 5 stelle uno non vale più uno”

Tra i candidati – in provincia di Agrigento – c’è anche Gianluca Ciotta, di Licata, ex candidato sindaco della città che un tempo non troppo lontano fu guidata (prima di essere sfiduciato) da Angelo Cambiano, designato assessore agli Enti Locali dall’ex candidato governatore pentastellato, Giancarlo Cancelleri. Ritornando alla città dei templi ci sono gli “outsider” Alessio Rossano e Michele Sodano, entrambi attivisti dal 2013, ed Emanuele Lo Vato, impegnato nelle battaglie contro la privatizzazione dell’acqua. A Porto Empedocle troviamo l’assessore della giunta Carmina, Salvatore Urso, e Maria Bellavia, già candidata all’ultima tornata regionale e oggi in competizione per un posto al Senato. A Ribera, invece, Lillo Manto (candidato alle comunali del paese delle arance) e Daniela Manni. I candidati a Sciacca sono il libero professionista Mario Di Giovanna e l’insegnante Dorenzo Navarra. A Grotte c’è Rosalba Cimino che nelle ultime elezioni regionali ha ben figurato. A Menfi, tra i candidati, c’è anche la giornalista di “MasterLex” Rosy Abruzzo insieme al consigliere comunale in carica Giuseppe Corso.


Dal Web


  • Agrigento

    La Valle tra i palazzi. Firetto: “Parole e immagini che offendono la città e gli agrigentini”

    Pubblicato il 17 02 2018

    "All'assalto dell'arte e del paesaggio? Parole e immagini che offendono la città e gli agrigentini. Parole graffianti e immagini artate, vecchie di vent'anni, che avevamo archiviato tra le cose da dimenticare". Cosi il sindaco Lillo Firetto, in merito alla foto-scandalo che ritrae la Valle..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Racalmuto, pensionato scomparso. “Chi l’ha visto” si occupa del caso

    Pubblicato il 17 02 2018

    E' passato un mese e ancora non si hanno notizie sulla scomparsa del pensionato racalmutese, Giuseppe Alaimo. Le indagini stanno continuando e la Procura di Agrigento, ha aperto un fascicolo. Tutte le ipotesi sono in piedi, anche quella di allontanamento volontario. Nel frattempo del caso si sta o..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Come parlano i mafiosi?

    Pubblicato il 17 02 2018

    Il linguaggio mafioso da sempre è stato uno dei fenomeni analizzati e studiati da diversi ambiti di ricerca, sociologia, politica, antropologia, economia e storia. Ma pochi sono gli studi che si occupano in maniera specifica del linguaggio su cui si regge l’intero sistema comunicativo della mafia..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Aveva terrorizzato molti commercianti: in carcere rapinatore seriale

    Pubblicato il 17 02 2018

    I Carabinieri della Compagnia di Paternò hanno arrestato il 25enne Mirko Natale Fusto del posto, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Catania. Le indagini, svolte dai militari del Nucleo Operativo, iniziarono dal suo arresto in flagranza avvenuto nel 2013 subito..

    Continua a Leggere

  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361