Cronaca

Mafia, 2 mln di beni confiscati a boss Brancaccio

Beni per un valore di due milioni di euro sono stati confiscati dalla polizia di PALERMO a Matteo Scrima, 57 anni, ritenuto organico alla famiglia mafiosa di Brancaccio. Il provvedimento, emesso dal Tribunale di Palermo – Misure di Prevenzione su proposta del questore, ha riguardato una gioielleria in via Lincoln, un appartamento e due box auto in corso dei Mille.
La gioielleria, spiegano gli investigatori, era stata avviata da Scrima nel 1988 ma dal 1997 “a seguito di successive vicende giudiziarie che lo avevano riguardato, non era più comparso nella compagine societaria, pur continuando sostanzialmente a gestirla”. “Il vero calibro del personaggio, con precedenti per ricettazione e riciclaggio – proseguono gli investigatori – è emerso nel corso dell’indagine di polizia denominata Araba Fenice che ha condotto ad un provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Dda di Palermo il 28 novembre 2011 nei confronti di 15 soggetti inseriti nella consorteria mafiosa di Brancaccio, tra i quali spiccavano Cesare Lupo, capo della famiglia, Nunzia Graviano, sorella dei famosi Benedetto, Giuseppe e Filippo”.
Per gli investigatori, Scrima sarebbe “l’affidatario e custode della cassa della cosca mafiosa di Brancaccio”.
mi-piace

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top