Mafia agrigentina: “Mio padre apparteneva a Cosa nostra”

Mafia agrigentina: “Mio padre apparteneva a Cosa nostra”

0
SHARE
Damiano Marrella, il giorno dell'arresto e nel riquadro il nipote, Vincenzo Marrella, infiltrato in Cosa nostra

Vincenzo Marrella, 41 anni, di Montallegro, padre ucciso nella guerra di mafia, da non confondere con l’omonimo di 60 anni, finito indagato nell’inchiesta “Icaro” con la retata di dieci giorni fa a cura della Squadra mobile di Agrigento, guidata da Giovanni Minardi.

La sua figura emerge dalle “carte” giudiziarie sottoscritte dai Pm della Dda di Palermo che ne tracciano questo profilo, svelandone trascorsi e posizione. Vincenzo Marrella (cl. 74) nel marzo 2012, rese una serie di dichiarazioni relativamente alla famiglia mafiosa di Montallegro ed ai possibili responsabili dell’omicidio del padre.

Nel corso dell’interrogatorio effettuato il 21.03.2012 innanzi ai sostituti procuratori Fulantelli e Ravaglioli, Vincenzo Marrella così riferiva in ordine alle questioni legate al coinvolgimento della famiglia mafiosa di Montallegro nelle vicende di Cosa Nostra agrigentina: “Credo di avere scoperto gli autori dell’omicidio di mio padre Lorenzo Marrella ucciso il 12 febbraio 1998. Mio padre apparteneva a Cosa Nostra, prima come soldato e poi, poco prima di morire, come consigliere della famiglia di Montallegro.

Scopri le dichiarazioni di Vincenzo Marrella, acquista e leggi GRANDANGOLO 48

Fai clic su ADD TO CART e si aprirà una finestra con un pulsante rosso. Clicca su di esso: ti apparirà una nuova finestra dove potrai acquistare il settimanale Grandangolo. Completato il pagamento riceverai una mail di ringraziamento con (in basso dentro la finestra stessa) un link che ti permetterà  di aprire un’ultima finestra da dove poter scaricare il file in pdf.

 

[simpleecommcart_add_to_cart id=”30″ ]

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY