Mafia, altro duro colpo a boss Messina Denaro: maxi sequestro di beni

Mafia, altro duro colpo a boss Messina Denaro: maxi sequestro di beni

0
SHARE
Il sequestro dei beni a carico degli Spallino

Un duro colpo al patrimonio riconducibile alla famiglia mafiosa di Castelvetrano è stato inferto dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani, che questa mattina hanno dato esecuzione al sequestro emesso dal Tribunale di Trapani a carico degli imprenditori castelvetranesi Antonino e Raffaella Spallino, prestanome dell’organizzazione capeggiata dal latitante Matteo Messina Denaro.
I provvedimenti, richiesti dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo, hanno interessato le province di Trapani, Palermo e Reggio Calabria, colpendo l’ingente patrimonio accumulato dai due imprenditori, per un valore complessivo di 10 milioni di euro.
L’intervento odierno scaturisce dalle progressioni investigative sulla ricerca di Matteo Messina Denaro, acquisite nell’ambito dell’operazione “Mandamento” che, nel dicembre del 2012, aveva portato all’arresto degli esponenti di vertice del mandamento di Castelvetrano, inseriti a vario titolo nella struttura di supporto economico al latitante, e al sequestro del patrimonio accumulato dai predetti, per un valore complessivo di 16,5 milioni di euro.
Tale attività aveva documentato le infiltrazioni di cosa nostra nella gestione delle attività economiche nella provincia di Trapani ed accertato come la struttura criminale diretta dal latitante Matteo Messina Denaro esercitasse un rigido controllo territoriale finalizzato, tra l’altro, all’acquisizione sistematica dei lavori per la realizzazione degli impianti di produzione delle energie rinnovabili, attraverso l’operato del noto Santo Sacco, già consigliere provinciale e presidente della Commissione lavori pubblici, nonché grazie ad una fitta rete di società controllate, in modo diretto o indiretto, dall’imprenditore salemitano Salvatore Angelo, già sottoposto ad analogo provvedimento di sequestro.
Nel citato procedimento gli Spallino erano stati indagati per intestazione fittizia di beni (reato poi estinto per intervenuta prescrizione) ed, in particolare, per aver acquisito mediante la “Spallino Servizi srl”, allo scopo di favorire la locale famiglia mafiosa e di eludere la normativa in materia di misure di prevenzione patrimoniali, il ramo d’azienda della società “Ecol Sicula srl” dell’ergastolano Antonino Nastasi, già attiva nel settore dello smaltimento dei rifiuti.
L’odierna indagine patrimoniale, aggiornando ed integrando le acquisizioni dell’operazione mandamento, ha accertato il ruolo avuto dalle società “Modulor Energia s.r.l.” e “Modulor Progettazioni s.n.c.” (il sequestro riguarda il 50% delle quote) degli Spallino nella realizzazione di unimpianto fotovoltaico su un terreno in contrada Airone di Castelvetrano di proprietà dell’esponente mafioso Giovanni Furnari.
L’attività ha inoltre riscontrato il trasferimento, nella provincia di Reggio Calabria delle societa’ B.F.G. Energy s.r.l. (destinataria della misura ablativa) e Agricola Agrisland, accertando il contestuale ingresso nelle compagini societarie di soggetti collegati alla cosca Aquino di Marina di Gioiosa Ionica (RC), in passato coinvolta, unitamente al ricercato Messina Denaro, in un vasto traffico di sostanze stupefacenti dal Sudamerica (indagine Igres).
Infine, attraverso un’approfondita analisi dei rapporti bancari, è stato documentato il trasferimento, da parte degli Spallino, di tutti gli asset societari della Spallino Servizi s.r.l. a favore della cooperativa Ecoplus di Castevetrano, costituita nel 1999 per l’assistenza all’infanzia e trasformata, a seguito di una serie di operazioni societarie, in una cooperativa operante nel settore della raccolta dei rifiuti.
Per tale soggetto economico, risultato peraltro aggiudicatario, in regime d’urgenza, di numerosi lavori e forniture in ambito locale, la sezione misure di prevenzione del tribunale di Trapani ha applicato l’art. 34 del codice antimafia, che prevede l’amministrazione del bene senza lo spossessamento gestorio.
Il sequestro, ha avuto per oggetto 12 imprese operanti nei settori della produzione di energia elettrica, della raccolta di rifiuti, della ristorazione, delle attività agricole nonchè dell’edilizia e gestione di immobili, 34 immobili tra appartamenti, uffici, autorimesse, magazzini e terreni; 28 rapporti bancari e 5 autocarri.
L’intervento si inserisce nel quadro della complessiva manovra finalizzata alla cattura del latitante da parte del gruppo congiunto dell’arma dei carabinieri e della Polizia di stato che, sotto il coordinamento della Procura distrettuale antimafia di Palermo, nell’anno in corso, ha già portato all’esecuzione:
 il 14 gennaio 2015 (operazione “Mandamento bis”), di un decreto di sequestro beni, per un valore complessivo di 16,5 milioni di euro, emesso dalla sezione misure di prevenzione tribunale di trapani, nei confronti dell’imprenditore trapanese Salvatore Angelo e dell’esponente mafioso Antonino Nastasi. il sequestro ha riguardato una complessa rete di società attive nel settore delle energie rinnovabili e nella costruzione di parchi eolici;
 il 3 agosto 2015 (operazione “Hermes”), di una misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Palermo nei confronti di 11 indagati per associazione mafiosa e favoreggiamento della latitanza di Matteo Messina Denaro. i predetti erano inseriti nel circuito della messaggistica attraverso il quale il ricercato esercitava il potere dirigenziale all’interno di Cosa nostra trapanese.

L’attività investigativa, in particolare, ha ricostruito parti significative del circuito di smistamento della corrispondenza do Messina Denaro (cd “pizzini”), evidenziando il ruolo del capo del mandamento di Mazara del Vallo, Vito Gondola, emerso quale responsabile della relativa raccolta e distribuzione, nonché degli esponenti mafiosi Giovanni Domenico Scimonelli e di Pietro Giambalvo, individuati quali soggetti incaricati dell’ulteriore instradamento della corrispondenza;
 l’11 novembre 2015 (operazione “Eden bis”) di una misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Palermo nei confronti di 4 affiliati alle famiglie mafiose di Bagheria e Corso dei mille indagati per rapina e ricettazione aggravate dalle finalità mafiose. in particolare, il provvedimento ha interessato gli ulteriori soggetti coinvolti nella nota rapina ai danni del deposito della ditta di spedizioni di Campobello di Mazara, avvenuta il 4 novembre del 2013, rientrante nel patrimonio aziendale dell’imprenditore palermitano Cesare Lupo prestanome dei fratelli Graviano. L’indagine, quale prosecuzione dell’attività “Eden 2”, nel 2014, aveva portato all’arresto di 16 indagati ed accertato la riconducibilità della rapina, nell’ambito di un generale accordo tra le principali articolazioni di cosa nostra per la gestione di progetti delittuosi comuni predisposti anche per finanziare la latitanza di Messina Denaro;
 il 3 dicembre 2015 (operazione “Hermes”) di un decreto di sequestro beni, per un valore complessivo di 13 milioni di euro emesso dal Gip del Tribunale di Palermo nei confronti di Vito Gondola, Giovanni Domenico Scimonelli, Pietro Giambalvo e Michele Gucciardi costituito da numerose società attive nella distribuzione alimentare.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *