Apertura

Mafia, confisca di beni a Porto Empedocle a due imprese. Sorveglianza speciale per Fabrizio Messina

di Redazione
Pubblicato il Ott 21, 2016

Il tribunale ha disposto la confisca, di beni già sequestrati, e dunque l’acquisizione definitiva da parte dello Stato, delle imprese edili “A&G 24/12 Costruzioni” e “Mauro S.B.” aventi sede legale rispettivamente a Porto Empedocle e Realmonte. I titolare delle aziende erano Antonio Bruccoleri e Alfonso Tuttolomondo, entrambi coinvolti nell’inchiesta antimafia “Nuova Cupola” con l’accusa di essere di fatto i prestanomi di Fabrizio Messina, 41 anni, di Porto Empedocle, fratello del boss Gerlandino Messina. Nella stessu udienza che sancito la confisca è stata altresì disposta la sorveglianza speciale nei confronti dello stesso Fabrizio Messina che recentemente è tornato in libertà dopo aver scontato una condanna per associazione mafiosa. La misura avrà la durata di quattro anni.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361