Mafia: Corte appello decide confisca beni “re supermercati” Scuto

Redazione

Catania

Mafia: Corte appello decide confisca beni “re supermercati” Scuto

di Redazione
Pubblicato il Gen 11, 2017
Mafia: Corte appello decide confisca beni “re supermercati” Scuto

La Corte d’appello di Catania, in revisione del provvedimento di primo grado, ha disposto la confisca preventiva dei beni dell’imprenditore di cui sono entrati in possesso, dal 1990 in poi, Sebastiano Scuto e i suoi familiari.

All’ex ‘re dei supermercati in Sicilia’ e’ stato imposta anche la sorveglianza speciale con l’obbligo di firma. Il provvedimento e’ stato notificato al suo avvocato, il professore Giovanni Grasso che, annunciando ricorso in Cassazione, lo ha definito “anomalo e ingiustificato”.

La confisca, spiega il penalista, non e’ eseguita perche’ non esecutiva: lo diventera’ dopo una decisione della Suprema Corte. Non e’ stata ancora depositata la motivazione con cui la la seconda sezione penale della Corte di Cassazione, il 6 ottobre del 2016, ha annullato con rinvio la sentenza a 8 anni di reclusione per associazione mafiosa emessa, l’8 ottobre del 2015, dalla Corte d’appello di Catania nei confronti dell’imprenditore Sebastiano Scuto.

Di fronte a un nuovo collegio si dovranno valutare, ha stabilito la Suprema Corte, i profili relativi alla determinazione del ‘tempus commissi delicti’, il trattamento sanzionatorio e la confisca dei beni.

E’ diventata definitiva l’assoluzione dall’accusa di avere gestito a Palermo centri commerciali in comune con i boss Bernardo Provenzano e i fratelli Lo Piccolo: la Cassazione ha rigettato su questo punto il ricorso della Procura generale di Catania.


Dal Web


  • Catania

    M5S, stasera i nomi dei candidati al Parlamento: chi corre in provincia di Agrigento

    Pubblicato il 21 01 2018

    Erano tre le preferenze che ciascun iscritto poteva esprimere nei confronti di un candidato. Un sistema sicuramente innovativo nel panorama democratico italiano che - però - ha presentato anche alcune problematiche “tecniche”: soprattutto nelle prime ore di mercoledì - primo giorno di votazion..

    Continua a Leggere

  • Catania

    Porto Empedocle, secondo giorno di sciopero degli operatori ecologici

    Pubblicato il 21 01 2018

    Niente raccolta dei rifiuti a Porto Empedocle per il secondo giorno di fila: non c’è stata la fumata bianca dopo l’incontro - avvenuto nella mattinata di ieri - tra il primo cittadino Ida Carmina e i lavoratori che protestano per il ritardo nel pagamento degli stipendi. Secondo giorno di sciope..

    Continua a Leggere

  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361