Mafia, croce con pennarello nero su porta del giudice Aiello

Redazione

Cronaca

Mafia, croce con pennarello nero su porta del giudice Aiello

di Redazione
Pubblicato il Lug 5, 2017
Mafia, croce con pennarello nero su porta del giudice Aiello

Una croce disegnata con un pennarello nero sulla porta dell’ufficio del giudice dell’udienza preliminare Nicola Aiello, che, a Palermo, sta tenendo un processo di mafia, denominato Panta Rei, con 41 imputati: l’ha trovata stamattina il personale che si occupa delle pulizie al palazzo di giustizia, che ha subito avvisato i carabinieri. Sono in corso i rilievi e l’esame delle riprese video che monitorano 24 ore su 24 i corridoi dell’edificio in cui si trova la stanza di Aiello, per capire chi possa avere disegnato quello che sembra un macabro avvertimento nei confronti del Gup. Proprio oggi c’e’ un’udienza del giudizio abbreviato, all’aula bunker del carcere dell’Ucciardone: ma c’e’ anche, a Roma, in Cassazione, l’udienza in cui la Suprema Corte decidera’ sull’istanza di ricusazione avanzata nei mesi scorsi da alcuni difensori e respinta dalla Corte d’appello.
Secondo gli imputati e i loro legali, Aiello sarebbe “incompatibile” perche’ avrebbe prorogato alcune intercettazioni dell’inchiesta, nel periodo estivo, in cui era di turno e sostituiva il collega titolare dell’indagine, scaturita da un’operazione dei carabinieri contro le cosche di Palermo e della parte orientale della costa, da Bagheria a Trabia e Altavilla. In questo modo, avevano sostenuto i difensori nella ricusazione, sarebbe entrato nel merito dell’indagine e sarebbe divenuto incompatibile, perche’ non piu’ “terzo”, come giudicante: tesi che pero’ gia’ da alcuni anni non viene piu’ ritenuta causa di astensione.
In Panta Rei c’e’ comunque un clima pesante, perche’ molti imputati sarebbero interessati a far ricominciare da zero il giudizio abbreviato, in vista di una possibile decorrenza dei termini. Gli esiti degli accertamenti dei carabinieri saranno inviati alla Procura di Caltanissetta, competente a indagare su questi fatti che riguardano i magistrati di Palermo.
Fra i processi celebrati di recente, il mese scorso il Gup Aiello aveva rinviato a giudizio i 14 imputati dell’inchiesta sulle firme false a sostegno della lista del M5S alle comunali di Palermo del 2012 e aveva condannato a 10 anni e a 4 anni e 6 mesi padre e madre di un neonato ridotto in fin di vita a suon di botte
mi-piace

Loading…


Dal Web


  • Cronaca

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Cronaca

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Cronaca

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Cronaca

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361