Apertura

Mafia: decapitato clan Emmanuello, 16 arresti. In manette anche il nuovo reggente

Pubblicato il Giu 22, 2016
Mafia: decapitato clan Emmanuello, 16 arresti. In manette anche il nuovo reggente

Gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato il nuovo reggente del clan di cosa nostra “Emmanuello” di Gela, Gianluca Pellegrino, di 32 anni.

Il suo arresto rientra nell’ambito dell’operazione condotta dai poliziotti del Commissariato di Gela con l’ausilio dei colleghi delle Squadre Mobili di Catania, Palermo, Parma, Torino e di pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Palermo, che hanno eseguito complessivamente 16 misure cautelari: una custodia in carcere, nove arresti domiciliari e sei obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria.

Gli indagati avrebbero riorganizzato il clan di cosa nostra “Emmanuello“, dedito alle estorsioni e al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. A capo dell´associazione c´era il 32enne gelese, in custodia cautelare in carcere, e che a partire dal 2003 risultava organicamente inserito nella cosca, di cui avrebbe preso le redini gia’ a partire dalla sua scarcerazione, avvenuta nel maggio 2011.

L’uomo, secondo gli investigatori, sarebbe arrivato ai vertici del clan mafioso forte di capacita’ criminali riscontrate sin dall´adolescenza, quali il commercio di droga, i danneggiamenti, le estorsioni ai danni dei commercianti gelesi.

Le indagini hanno preso avvio dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, individuando inoltre le vittime di molte delle estorsioni: ben 12 commercianti gelesi titolari di esercizi commerciali.

LE FOTO DEGLI ARRESTATI

Guido Legnane

Guido Legnane

Giovanbattista Campo

Giovanbattista Campo

Emanuele Pellegrino

Emanuele Pellegrino

Emanuele Faraci

Emanuele Faraci

Angelo Famao

Angelo Famao

Johnny Cavallo

Johnny Cavallo

Gianluca Pellegrino, ritenuto il boss del clan Emmanuello

Gianluca Pellegrino, ritenuto il boss del clan Emmanuello

 


Dal Web


  • Apertura

    Ad Acireale una mostra per il gallerista Alexander Iolas

    Pubblicato il 11 12 2017

    La mostra “Call for Iolas’ House” a cura di Stefania Briccola, Leo Guerra, Cristina Quadrio Curzio – prodotta dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese - è dedicata alla villa-relitto del leggendario gallerista Alexander Iolas, il primo direttore artistico della Galleria Gruppo Credi..

    Continua a Leggere

  • Apertura

    Sicurezza negli ospedali siciliani, la Fsi Nazionale: “Bene la Procura.All’assessore Razzi chiediamo una piattaforma comune”

    di Redazione
    Pubblicato il 11 12 2017

    “L’indagine aperta sulla carenza di sicurezza nelle guardie mediche della Procura di Catania dopo il gravissimo fatto di cronaca che si ..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361