Mafia: incontri Provenzano jr con turisti? Corleone dice no

Mafia: incontri Provenzano jr con turisti? Corleone dice no

0
SHARE

Quegli incontri dei turisti con Angelo Provenzano figlio maggiore di Bernardo, storico capomafia da anni al carcere duro “ledono l’immagine di Corleone”. Ed e’ con questa motivazione che il consiglio comunale del comune dell’entroterra palermitano ha approvato all’ unanimita’ una mozione presentata dal Pd per invitare l’ amministrazione guidata dal sindaco Lea Savona a verificare “se vi siano le condizioni per chiedere un risarcimento ad un tour operator di Boston per i danni morali e materiali provocati alla citta’ di Corleone”. Un voto che e’ arrivato nonostante il parere di un avvocato, Stefano Siragusa, che afferma che al momento non vi sono “elementi sufficienti ad intraprendere alcuna azione legale”. Era stata proprio Savona a chiedere un parere al legale, come riporta oggi il Giornale di Sicilia. Dal mese di settembre dell’anno scorso numerosi turisti statunitensi, nel programma di visite in Sicilia, hanno anche un incontro con Preovenzano jr. A professionisti ed intellettuali americani Angelo Provenzano racconta – in inglese e dopo una breve introduzione della storia della mafia fatta da uno degli organizzatori – la sua storia ed il suo rapporto col padre. E risponde anche alle curiosita’ degli stranieri che cercano soprattutto di capire le conseguenze ed il peso di essere il figlio di un boss condannato, tra l’ altro, per strage, omicidio ed estorsione. E nelle sue parole non c’e’ l’ombra della ritrosia e della cautela che si sentono, forti, nelle rarissime interviste rilasciate ai media. Il perche’ lo ha spiegato lui stesso all’ANSA nei mesi scorsi: “Confrontarmi con una cultura diversa dalla nostra e scevra da pregiudizi mi pare un’avventura molto stimolante”.”Per me – aveva spiegato – si tratta di una opportunita’ lavorativa importante in un settore, quello turistico, nelle cui potenzialita’ ho sempre creduto”. Ed aveva auspicato: “Vorrei una vita piu’ normale possibile. Ma mi rendo conto che non c’e’speranza”. Il legale interpellato dal sindaco nel suo parere si richiama al “diritto/dovere al lavoro come bene costituzionalmente garantito che non puo’ essere limitato e sottolinea la piena capacita’ di intendere e volere degli utenti del tour operator”

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *