Mafia: legale di Bruno Contrada, ingiusto perquisire non persone non indagate

Redazione

Sicilia

Mafia: legale di Bruno Contrada, ingiusto perquisire non persone non indagate

di Redazione
Pubblicato il Lug 5, 2018
Mafia: legale di Bruno Contrada, ingiusto perquisire non persone non indagate

Presenteremo un nuovo ricorso davanti alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per denunciare l’illegittimità di una normativa come quella italiana che consente che persone non indagate subiscano perquisizioni e siano intercettate. C’è una palese violazione degli articoli 6 e 8 della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo”. Lo ha annunciato l’avvocato Stefano Giordano, legale dell’ex numero due del Sisde Bruno Contrada. Il 29 giugno, pur non essendo indagato nel procedimento per omicidio a carico dei boss Madonia e Scotto, Contrada ha subito una perquisizione domiciliare. A disporla è stata la procura generale di Palermo che ha avocato l’inchiesta sull’omicidio dell’agente di polizia Nino Agostino, ucciso con la moglie ad agosto del 1989 a Villagrazia di Carini.

Contrada è stato condannato a 10 anni per concorso in associazione mafiosa ed ha scontato la pena, ma per la Corte di Strasburgo il processo era illegittimo. L’anno scorso la Cassazione ha revocato la sentenza, quindi l’ex poliziotto al momento è incensurato ed è stato anche annullato il decreto di destituzione emesso a suo carico dalla polizia. “Qualcuno non ha digerito la sentenza Cedu e sta agendo contro i lui con atti invasivi. – ha commentato Giordano riferendosi alla perquisizione della scorsa settimana e a quelle subite un anno fa da Contrada e disposte dai pm di Reggio Calabria – Siamo in presenza di atti che hanno un’oggettiva consistenza persecutoria. A 87 anni un uomo ha il diritto di essere lasciato in pace. E se si pensa che sia colpevole di omicidio lo si dica chiaramente”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361