Mafia, Mancino: mai saputo di trattativa. Contro di me calunnie

Mafia, Mancino: mai saputo di trattativa. Contro di me calunnie

0
SHARE

L’ex presidente del Senato Nicola Mancino ha ribadito la propria estraneità a qualsiasi trattativa tra Stato e mafia. Lo ha fatto stamani nell’aula bunker di Palermo dov’è imputato per falsa testimonianza nell’ambito dell’inchiesta sulla “trattativa” ha reso dichiarazioni spontanee. Mancino si è definito un “terzo estraneo”, formalizzando dinanzi al presidente della Corte d’assise Alfredo Montalto la sua intenzione di non sottoporsi all’interrogatorio da parte dei pm. Mancino è tornato sull’incontro avuto al ministro degli Interni con Paolo Borsellino l’1 luglio 1992, diciotto giorni prima che il giudice venisse ucciso nella strage di via D’Amelio. “Si sono fatte maliziose e subdole insinuazioni”, ha detto Mancino il quale ha ribadito la sua “durezza e fermezza nei confronti di un nemico che aveva dichiarato guerra allo Stato. Dissi che la cattura di Riina non mi bastava – ha spiegato l’ex seconda carica dello Stato -, bisognava catturare tutta la Cupola”. Insomma, per Mancino, contro di lui ci sarebbero state “calunnie e millanterie. Denunciate – ha proseguito -, ma che non hanno dato seguito alcun accertamento, nè verifiche”. “Un teorema che doveva rimanere in piedi”, dunque, contro di lui che ha sempre espresso la propria estraneità ai fatti.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY