Mafia, nasce applicazione per telefonini: servirà a tracciare la presenza dei mafiosi

Mafia, nasce applicazione per telefonini: servirà a tracciare la presenza dei mafiosi

235 views
0
SHARE

Oltre 300 sostenitori e 12 mila euro raccolti. Va a gonfie vele la campagna di crowdfunding cominciata il 21 marzo da MafiaMaps, l’applicazione per tablet e smartphone con la quale e’ possibile geolocalizzare la presenza dei mafiosi: i loro affari, i luoghi di stragi e omicidi, i locali che possiedono, i luoghi dove hanno compiuto atti intimidatori e dove sono stati arrestati. A curare l’applicazione sono i ragazzi di WikiMafia, l’enciclopedia online delle mafie italiane. Anche le associazioni antimafia potranno contribuire tracciando sul loro territorio la presenza mafiosa. Perche’ MafiaMaps, oltre che uno strumento di conoscenza, e’ anche stimolo alla partecipazione tra organizzazioni diverse. MafiaMaps viene pensata a meta’ dicembre 2014 da Pierpaolo Farina, con l’idea di rilanciare il progetto originario della “Mappa delle Principali attivita’ mafiose in Italia” di WikiMafia, una sezione specializzata alla geolocalizzazione delle attivita’ mafiose. Il lancio del progetto il 6 gennaio 2015 e’ stato curato insieme ad alcuni ragazzi di WikiMafia, in particolare Francesco Moiraghi, Chiara Sanvito, Marco Fortunato ed Ester Castano. La campagna di crowdfunding #mappiamolitutti e’ stata ideata anche grazie al supporto di Hermes Mariani, Samuele Motta, Thomas Aureliani, Claudio Paciello, Francesco Terragno, Monica De Astis, Ilaria Meli, Federica Cabras, Martina Bedetti, Dario Parazzoli, Marco Salfi. Tutti gli sviluppatori del progetto sono laureti del corso di sociologia delle organizzazioni criminali curato dal professor Nando dalla Chiesa all’universita’ Statale di Milano. Si puo’ sostenere il progetto con delle donazioni da 5 euro fino a 10 mila euro. Il totale raccolto al momento e’ sufficiente alla mappatura della Lombardia. Con 20 mila euro MafiaMaps traccera’ anche gli affari in Veneto e in Piemonte, con 30 mila Liguria ed Emilia Romagna. Ne servono 100 mila per poter mappare tutta Italia e rilasciare la prima versione nella primavera del 2016. La campagna di crowdfunding durera’ fino al 23 maggio, giorno della strage di via Capaci. Il 21 marzo 2016, data della prossima festa della Memoria e dell’impegno di Libera, sara’ rilasciata comunque la prima versione beta dell’applicazione. L’app sara’ gratis per chi ha sostenuto la nascita del progetto mentre costera’ 99 centesimi all’anno per tutti gli altri utenti. Martedi’ 12 maggio all’Ostello Bello di Milano ci sara’ uno degli incontri pubblici di presentazione della app, con un aperitivo di finanziamento del progetto

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *