Catania

Mafia: omicidio Luigi Ilardo, quattro ergastoli per mandanti ed esecutori

Luigi Ilardo

Luigi Ilardo

Quattro ergastoli inflitti ai mandati e agli esecutori dell’omicidio di Gino Ilardo, l’uomo che – come ha detto l’accusa – il 31 ottobre del 1995 ha portato lo Stato a un passo dalla cattura di Bernardo Provenzano.

Era stato assassinato a Catania in via Quintino Sella il 10 maggio del 1996, quando si apprestava a diventare collaboratore di giustizia. Dopo quasi ventuno anni arriva le sentenza della Corte d’Assise, presieduta da Rosa Anna Castagnola (ha sostituito Rosario Cuteri, ormai in Corte d’Appello), che oggi pomeriggio ha pronunciato il dispositivo dopo nove ore di camera di consiglio.

Carcere a vita per Giuseppe Madonia, Vincenzo Santapaola (figlio di Coluccio, cugino del capomafia Benedetto), ritenuti i mandanti, e per gli esecutori Maurizio Zuccaro e Benedetto Cocimano. Gino Ilardo, cugino Giuseppe Piddu Madonia, prima della sua uccisione era stato un confidente dei Ros ed in particolare del colonnello colonnello Michele Riccio. Prima di essere ucciso vi era stata una riunione a Roma, con i vertici delle procure di Caltanissetta e Palermo Giancarlo Caselli, Teresa Principato e Giovanni Tinebra. Ilardo era ad un passo dal diventare collaboratore di giustizia.

Un fatto questo secondo la Corte d’Assise, che avrebbe provocato un’accelerazione al piano criminale di eliminare Ilardo, capo della famiglia di Cosa nostra nissena.

Loading…

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top