Apertura

Mafia, omicidio Sciacchitano e nuovi assetti dei clan: tre arresti

“Torre dei diavoli”, secondo atto. I carabinieri del Ros e del Comando Provinciale di Palermo hanno eseguito altre tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip del Tribunale di Palermo su richiesta della Dda, nell’ambiti della recente operazione antimafia che ha fatto luce su un omicidio e suoi nuovi assetti. I destinatari dei nuovi provvedimenti, gia’ detenuti, sono accusati dell’omicidio di Salvatore Sciacchitano e del tentato omicidio di Antonino Arizzi, nonche’ di detenzione e porto delle armi utilizzate per commettere l’agguato: si tratta del boss Salvatore Profeta, 70 anni, ritenuto il mandante insieme a Natale Giuseppe Gambino, Antonino Profeta, 26 anni, e Francesco Pedalino, 37 anni, quali esecutori materiali, a quest’ultimo viene anche contestato il reato di partecipazione ad associazione mafiosa.

Salvatore Profeta, esponente di spicco della cosca di Santa Maria di Gesu’, gia’ condannato in via definitiva per associazione mafiosa, dopo una detenzione di 18 anni era stato scarcerato alla fine del 2011 in forza della richiesta di revisione del processo per la strage di via d’Amelio. Nel corso della seconda guerra di mafia si era schierato con l’ala vincente di osservanza corleonese, venendo peraltro coinvolto nel noto “blitz di Villagrazia” del 1981 culminato, dopo un violento conflitto a fuoco, con l’arresto di altri otto uomini e la fuga di altri sei. A seguito della riorganizzazione del mandamento e della famiglia di Santa Maria di Gesu’, effettuata dopo l’uccisione dello storico capo Stefano Bontate il 23 aprile 1981 era stato promosso al rango di capodecina. In questa indagine e’ emerso che l’anziano aveva rifiutato ogni candidatura alle cariche elettive della famiglia sia per l’eta’ avanzata che, verosimilmente, per la sua parentela con il collaboratore Vincenzo Scarantino. In ogni caso, rappresentava per il capofamiglia Giuseppe Greco una sorta di consigliere non ufficiale al quale era peraltro lasciata libera iniziativa in virtu’ della sua autorevolezza criminale. Antonino Profesta e’ figlio di Salvatore e ‘figghiozzu’ di Giuseppe Greco, che l’avrebbe scelto come proprio rappresentante particolare.

Tale ruolo, non previsto formalmente nella gerarchia mafiosa, avrebbe consentito al giovane di interloquire con altri appartenenti al clan con maggiore liberta’. Pedalino, genero di Profeta, sarebbe stato recentemente designato capodecina, ponendo alle sue dipendenza uomini d’onore ben piu’ anziani. Questi e suo figlio, come Profeta jr, rappresentano le nuove leve della cosca. Il Gip ha inoltre convalidato i fermi di Giuseppe Greci, Natale Giuseppe Gambino, Gabriele Pedalino, Domenico Ilardi, Lorenzo Scarantino e Francesco Urso.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Most Popular

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top