Mafia, il pentito Quaranta: “I contatti forti li avevo tra Favara e la montagna” e parla dei mandamenti

Redazione

Apertura

Mafia, il pentito Quaranta: “I contatti forti li avevo tra Favara e la montagna” e parla dei mandamenti

di Redazione
Pubblicato il Feb 21, 2018
Mafia, il pentito Quaranta: “I contatti forti li avevo tra Favara e la montagna” e parla dei mandamenti

Continano ad emergere particolari circa la dichiarazioni del neo pentito di Favara, Giuseppe Quaranta. L’uomo ha raccontato ai magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia, come in “In ogni zona della Sicilia c’era una famiglia di Cosa nostra”.

Quaranta ha parlato nello specifico di Favara “…e la montagna” e del fatto che “i contatti forti io li avevo tra Favara e le montagne basta”.

Parla il pentito e racconta quanto è a sua conoscenza, e riferendosi all’assetto dei mandamenti tra il 2012 e il 2013 dice: “Il quel momento il capo provinciale il capo provinciale si parlava di Pietro Campo…”, e alla domanda su chi gliene parlasse… “Fragapane, Giambrone… Calogerino però era tutto da vedere… giusto, picchì in quel momento essendo che erano i più anziani…. Essendo che era stato arrestato u… u Sutera, il cognato, se non sbaglio o cugino di Pietro Campo…. Campo dicemu prende sta reggenza nel suo mandamento però siccome una persona anziana”.

 

LEGGI LE ALTRE RIVELAZIONI DI QUARANTA SUL SETTIMANALE GRANDANGOLO

 

 

 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04