Apertura

Mafia, quel campobellese nato a Canicattì associato alle ‘ndrine calabresi

Desio, crocevia della Brianza dove i calabresi della n’drangheta vanno – non certo a cuor leggero – a braccetto con i siciliani di Cosa Nostra ed ex Stiddari, costretti a pagare per operare sul territorio.
Insomma, n’duja e cannoli alla brianzola.
Come nel processo appena conclusosi a Monza il cui collegio giudicante presieduto da Giovanni Gerosa, giudici a latere Gaia Caldarini e Marta Pollicino hanno condannato ad una pena di 15 anni il siciliano 41enne nato a Canicattì ma campobellese a tutti gli effetti, titolare della “Recupero e Autodemolizioni srl” di Desio, Ignazio Marrone, “per aver fatto parte dell’associazione di tipo mafioso denominata n’drangheta in cui ha ricoperto un ruolo di vertice nella locale di Desio legata alle famiglie “Iamonte-Moscato” e a 10 anni il medico plastico calabrese 43enne, Arturo Sgrò “partecipe della locale con il compito di riscuotere crediti derivanti da illecite attività e provvedere al sostentamento dei detenuti in carcere e tra questi i familiari Giuseppe ed Edoardo Salvatore Sgrò arrestati nel luglio del 2010”.
Per Marrone – detenuto nel carcere di Opera dal 30 novembre 2010 al 30 gennaio 2012, compagno di cella con il gelese Alessandro Barbieri appartenente al clan dei Rinzivillo ed imparentato con la famiglia Madonia – il pubblico ministero della Dda, Cecilia Vassena aveva chiesto 15 anni.
Marrone e Sgrò erano stati arrestati a fine gennaio dello scorso anno su ordine del Gip Carlo Ottone De Marchi.
Una taske force di 500 uomini, per quattro giorni avevano bloccato il capannone 20 mila metri quadri di via Ferravilla di 20 dotato di sofisticate apparecchiature di videocontrollo della “Recuperi e Autodemolizioni srl” e il vicino terreno di via Matilde Serao che era stato interamente rivoltato come un calzino in profondità alla ricerca di armi. L’operazione si era poi conclusa in un capannone della vicina Muggiò dove oltre a motori, cambi e parti d’auto di provenienza furtiva era stata rinvenuta una pistola.

SE VUOI LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO ACQUISTA IL SETTIMANALE.

Pulsante-Acquista-Ora

Loading…

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top