Mafia, raid in ufficio del procuratore Lari: “Indagini serrate”

Mafia, raid in ufficio del procuratore Lari: “Indagini serrate”

0
SHARE
Sergio Lari

Raid a Caltanissetta, nell’ufficio di Lia Sava, procuratore Aggiunto della Procura nissena. La scoperta al ritorno dalle vacanze di Pasqua. Qualcuno e’ entrato nella stanza del magistrato, al quarto piano del Palazzo di Giustizia mettendo tutto a soqquadro. C’era il computer acceso e alcune piante erano state scaraventate a terra. Sul posto e’ intervenuta la polizia scientifica, alla ricerca di eventuali tracce. La notizia e’ stata confermata anche dal Procuratore Generale Sergio Lari, che e’ stato immediatamente informato dal Procuratore della Repubblica di Caltanissetta Amedeo Bertone. Tuttavia il procuratore Lari non si sbilancia piu’ di tanto, perche’ ancora non e’ stato accertato se dal Pc sono stati sottratti dei file riservati. “Ci sono indagini in corso. Solo una perizia informatica – spiega Lari – potra’ chiarire se sono stati sottratti dei file con notizie riservate. Solo una consulenza informatica potrebbe chiarire questo aspetto. La competenza e’ dell’autorita’ giudiziaria di Catania. Aspetto di sapere se ci sono delle falle sul fronte della sicurezza”. Pare infatti, che il sistema di telecamere, non funzioni. Lia Sava, e’ uno dei magistrati del pool che si occupa delle indagini sulle stragi, sui beni confiscati e del caso dell’ex presidente di Sicindustria Antonello Montante

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY