Mafia, “seppelliti con l’auto sotto terra”, pentito svela orrore

Redazione

Apertura

Mafia, “seppelliti con l’auto sotto terra”, pentito svela orrore

di Redazione
Pubblicato il Gen 20, 2017
Mafia, “seppelliti con l’auto sotto terra”, pentito svela orrore

Da tempo collabora con i magistrati facendo luce sugli orrori della violenza mafiosa. Il pentito Nino Pipitone ha aperto squarci su tanti delitti dimenticati. Adesso la procura di Palermo ha sequestrato un terreno a Carini dove potrebbe essere stata seppellitta un’auto con i cadaveri di Antonino Failla e Giuseppe Mazzamuto. A novembre i carabinieri del Nucleo investigativo, coordinati dalla Dda, per quel delitto avevano eseguito i fermi a carico dei boss Antonino Di Maggio e Giovan Battista Pipitone, nonche’ dell’imprenditore Salvatore Cataldo. Drammatico il caso della Fiat Uno sepolta in una voragine aperta e poi ricoperta da un escavatore: i carabinieri hanno esteso le ricerche nelle campagne fra Carini, Torretta, Villagrazia, Capaci e Cinisi, in provincia di Palermo, con l’aiuto di speciali metal detector e di georadar. Adesso il cerchio si e’ stretto. Secondo gli inquirenti Giovan Battista Pipitone, Di Maggio e Salvatore Cataldo, in concorso con Gaspare Pulizzi e Vincenzo Pipitone, attirarono all’interno di un’abitazione Failla e Mazzamuto, i quali, ritenuti responsabili di un incendio, vennero uccisi il primo a colpi di accetta, il secondo con un colpo d’arma da fuoco. I due vennero assassinati perche’ sospettati di avere partecipato alla “lupara bianca” costata la vita a Luigi Mannino, anche lui di Carini e parente di Salvatore Lo Piccolo, ma anche per avere rubato in un supermercato “protetto” da Cosa nostra. La sparizione di Mannino e’ del 19 aprile 1999 e una settimana dopo scomparvero i due presunti assassini: Failla fu strangolato, Mazzamuto ucciso con un colpo di pistola alla testa. I corpi, caricati sulla Fiat Uno, vennero “vurricati” – cosi’ racconto’ Pulizzi, per dire sepolti – con tutta l’auto. Le due vittime, prima di essere uccise, furono torturate ma respinsero le accuse di avere ucciso Mannino e rubato dove non avrebbero dovuto.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361