Mafia, “Sono Vito Bucceri e vi racconto Cosa Nostra. Ecco come ho conosciuto Sutera”

Redazione

PRIMO PIANO

Mafia, “Sono Vito Bucceri e vi racconto Cosa Nostra. Ecco come ho conosciuto Sutera”

di Redazione
Pubblicato il Nov 5, 2018
Mafia, “Sono Vito Bucceri e vi racconto Cosa Nostra. Ecco come ho conosciuto Sutera”

Una figura importante, che inchioda in maniera pregnante Leo Sutera è quella di Vito Bucceri, collaboratore di giustizia da non molto tempo, condannato a morte per aver intrattenuto una relazione extraconiugale con la moglie di un boss belicino che voleva la sua testa chiedendola ai massimi esponenti della mafia della zona: Pietro campo e Leo Sutera.
Di lui scrivono così i pubblici ministeri Claudio Camilleri, Geri Ferrara e Alessia Sinatra:
Ed invero, il collaboratore – con specifico riferimento a condotte successive alla data coperta dal giudicato del processo “Nuova Cupola” (31 ottobre 2013) – ha riferito del ruolo apicale rivestito dal Sutera, della sua autorevolezza persistente ed ampiamente riconosciuta, della sua capacità di indirizzare ogni decisione nel contesto territoriale di riferimento (ed al di fuori del medesimo), descrivendo altresì le particolari cautele adottate negli spostamenti e negli incontri a tutela della riservatezza dei temi e delle questioni affrontate.
Ed al Sutera peraltro, unitamente a Pietro Campo (al vertice della famiglia mafiosa di Santa Margherita Belice) è altresì riconducibile la determinazione, certamente temporanea, di soprassedere sulla sua stessa eliminazione fisica (voluta invero da Baldassare Interrante), per avere Bucceri intrattenuto una relazione sentimentale extraconiugale con la moglie di quest’ultimo, in violazione delle regole consolidate dell’appartenenza al sodalizio criminale.
Più in particolare, in data 5 agosto 2016, già nel suo primo interrogatorio, Bucceri riferiva – inizialmente – in merito al suo inserimento all’interno dell’organizzazione, attribuendo proprio al Sutera la sua datata investitura al vertice della famiglia mafiosa di Menfi, precisando:
Adr. Voglio liberarmi di questo peso e cambiare completamente vita e riferire tutto quello che so.
Adr.: Ammetto di far parte di Cosa Nostra; tanto tempo fa, tramite Pumilia Tonino, che non c’è più perché è morto, sono entrato e ho cominciato a fare estorsioni e danneggiamenti”.

Leggi l’articolo sul settimanale Grandangolo.

 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04