Mafia, un pentito: “Nel 2013 Messina Denaro era nel trapanese”

Mafia, un pentito: “Nel 2013 Messina Denaro era nel trapanese”

0
SHARE
L'identikit di Matteo Messina Denaro

“La rapina all’agenzia della Tnt di Campobello di Mazara fu rinviata perche’ in un villino della zona si nascondeva Matteo Messina Denaro e non si poteva disturbare la quiete”. A rivelarlo e’ stato il collaboratore di giustizia di Bagheria (Pa), Benito Morsicato, ascoltato, nell’aula bunker di San Vittore, a Milano, dal tribunale di Marsala nell’ambito del processo a tre presunti fiancheggiatori della famiglia mafiosa di Castelvetrano coinvolti nell’operazione antimafia “Eden 2″ del 19 novembre 2014.

La rapina all’agenzia Tnt fu commessa il 4 novembre 2013, mentre era stata programmata prima. Il colpo frutto’ circa 100 mila euro. Ad agire furono 7 o 8 uomini incappucciati che indossavano casacche con la scritta “Polizia”. Nel processo, con l’accusa di aver avuto un ruolo in quella rapina, sono imputati Vito Tummarello, di 54 anni, e Luciano Pasini, di 27. Quest’ultimo, dipendente della Tnt, e’ accusato di essere il basista.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *