Cronaca

Mazzette alla Direzione marittima, mille euro per l’abilitazione professionale: 12 indagati (ft e vd)

di Redazione
Pubblicato il Dic 7, 2017
Mazzette alla Direzione marittima, mille euro per l’abilitazione professionale: 12 indagati (ft e vd)

Su delega della Procura della Repubblica di Palermo, militari della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Palermo e del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo hanno eseguito misure cautelari nei confronti di 12 indagati, di cui 5 agli arresti domiciliari, 4 raggiunti dal divieto di dimora nel Comune di Palermo e 3 dall’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

Questa mattina sono scattate le misure cautelari, firmate dal gip Wilma Mazzara, ai domiciliari finiscono Giovanni Paterna (direttore di macchina e componente della commissione esaminatrice), Francesco De Santis (titolare della scuola di formazione), Leonardo Busalacchi (impiegato della Capitaneria di Porto), Francesco D’Annibale (direttore di macchina e sindacalista).

Divieto di dimora per Giuseppe Tarantino (direttore di macchina) Antonino Lupo (maresciallo luogotenente della Capitaneria di Porto), Giosuè Messina (capitano di vascello), Flavio Gambino (sottotenente di vascello).
Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Caterina Morello (Studio De Santis), Annarita Iadanza (docente Istituto nautico), Alessandro Sofia (docente Istituto nautico)

Sono accusati a vario titolo di corruzione, induzione indebita a dare o promettere utilita’, rivelazione di segreto d’ufficio e falsi ideologici in atto pubblico. L’inchiesta ha fatto emergere un giro di corruzioni nel rilascio di abilitazioni professionali per il personale marittimo imbarcato su navi mercantili e da crociera: Fra gli indagati c’è anche un militare della capitaneria di Porto, Antonio Lupo, primo maresciallo luogotenente, addetto all’ufficio direzione marittima della Capitaneria di Palermo, che aveva il compito di organizzare gli esami di abilitazione professionale.

Tangenti alla Direzione marittima filmate dagli inquirenti

Dieci i pubblici ufficiali coinvolti. Sequestrati gioielli e denaro contante per 400 mila euro.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361