Porto Empedocle, omicidio Falzone, il racconto del teste chiave: “Me patri...

Porto Empedocle, omicidio Falzone, il racconto del teste chiave: “Me patri mi scannà”

406 views
0
SHARE
Pietrino e Marco Falzone

Il processo a carico di Pietrino Falzone, il pescatore di 56 anni, di Porto Empedocle che ha confessato di aver ucciso con una coltellata il figlio Marco, 24 anni, che si celebra davanti il giudice dell’udienza preliminare Alfonso Malato, si arricchisce di un nuovo capitolo. Infatti, è stata interrogata Lucia Giordano, madre della vittima e moglie dell’assassino che ha svelato un particolare inedito: “La vittima aveva aggredito il padre, prima dell’omicidio, perché lo riteneva la causa di un malore subito da un’anziana donna che aveva cresciuto Marco. Questo fatto è stato il preludio del delitto che è stato poi raccontato da un cugino della vittima Tonino Giordano, presente al grave episodio. Drammatico il suo racconto laddove, Marco Falzone, ferito a morte, disse al cugino: “Me patri mi scannà”. Il processo riprenderà il prossimo 29 giugno con l’interrogatorio dell’imputato che ha sempre dichiarato di avere agito per legittima difesa.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *