Migranti, maxi sbarco a Trapani: fermati due presunti scafisti

Redazione

Sicilia

Migranti, maxi sbarco a Trapani: fermati due presunti scafisti

di Redazione
Pubblicato il Ago 10, 2016
Migranti, maxi sbarco a Trapani: fermati due presunti scafisti

Un cittadino del Gambia, Sulayman Touray, e uno della Costa d’Avorio, Sekou Sylla, sono stati fermati dalla Squadra mobile di Trapani, guidata da Fabrizio Mustaro, e dalla Guardia di Finanza.

Sono ritenuti gli scafisti del maxi sbarco avvenuto lo scorso 3 agosto, quando 466 migranti, tratti in salvo in cinque diverse operazioni nel Canale di Sicilia, sono approdati a bordo della nave Dignity I dell’associazione Medici senza frontiere al molo Ronciglio.

Ad incastrarli ci sarebbero le testimonianze dei loro compagni di viaggio che agli investigatori hanno raccontato le fasi del viaggio, dalla partenza dalla spiaggia di Sabrata, in Libia, fino al momento del soccorso, avvenuto dopo una notte di navigazione.

Sarebbero stati Touray e Sylla, poco più che maggiorenni, a guidare le imbarcazioni, utilizzando all’occorrenza una bussola per seguire la rotta e un telefono satellitare per chiamare i soccorsi.

Strumenti che erano stati consegnati ai due presunti scafisti da faccendieri libici, che, a bordo di un altro gommone, avrebbero sorvegliato i natanti per alcune miglia di navigazione. Secondo il racconto dei migranti, i due presunti scafisti, prima della partenza, sarebbero stati sottoposti a un rigoroso e lungo periodo di formazione e addestramento alla navigazione da parte degli stessi trafficanti libici.

Il gip di Trapani, condividendo le risultanze investigative della Squadra mobile e della Guardia di Finanza, ha convalidato il provvedimento di fermo, disponendo la custodia cautelare in carcere.


Dal Web


  • Sicilia

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Sicilia

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Sicilia

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Sicilia

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361