Politica

Migranti, Pagano (Lega): “Rivolta popolare dietro l’angolo”

“Le barricate del sindaco e dei cittadini di Castell’Umberto nel messinese, le proteste di alcuni sindaci della provincia di Chieti sono sacrosante e sono solo l’ultimo allarme rosso sul fronte migranti. Se l’Italia e’ ormai diventata una bomba a orologeria la colpa gravissima e’ solo di Renzi, Gentiloni, Alfano e Minniti e dei loro accordi boomerang”. Lo afferma il deputato Alessandro PAGANO della Lega-Noi con Salvini. “Ogni giorno – aggiunge – si rischia lo scontro istituzionale e sociale a causa di suicide politiche di finta accoglienza. Siamo a una guerra tra poveri, al tutti contro tutti. Sindaci contro prefetti, migranti contro migranti. Solo in Sicilia dove si assiste ogni giorno ad una invasione di migliaia e migliaia di clandestini, molte situazioni stanno collassando o stanno esplodendo come ad Agrigento citta’. Di fronte all’incapacita’ e all’inconcludenza del governo e del Pd, la rivolta popolare e’ dietro l’angolo. Solo un cieco o il Pd non se ne accorge. Mi chiedo infatti: come fa un popolo con quasi 5 milioni di poveri assoluti a poter dare solidarieta’ e accoglienza ad altri morti di fame? Renzi ha distrutto l’Italia e vuole distruggere la nostra identita’. E poi l’Anci: da che parte sta? Decaro e Leoluca Orlando, come Anci Sicilia, dovrebbero dimettersi. Mi auguro che tanti altri sindaci siciliani abbiano la forza di reagire a questa invasione in piena regola, resa possibile dal favoreggiamento del Pd di Renzi e Gentiloni”.
mi-piace

Loading…

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top