Mobilitazione per la dignità di Agrigento, i cittadini in piazza a protestare contro i mille problemi della città

Irene Milisenda

Agrigento

Mobilitazione per la dignità di Agrigento, i cittadini in piazza a protestare contro i mille problemi della città

Pubblicato il Giu 12, 2018
Mobilitazione per la dignità di Agrigento, i cittadini in piazza a protestare contro i mille problemi della città

Ad Agrigento è ancora caos rifiuti. In alcune zone ancora il secco residuo non è stato ritirato, gli agrigentini  sono stati costretti a rientrare in casa i mastelli puzzolenti.

Ma i cittadini sono arrabbiati e stanchi delle mille promesse, (non mantenute), dall’assessore all’ambiente Nello Hamel, e oggi pomeriggio si sono dati appuntamento presso Palazzo dei Giganti, in Piazza Pirandello, per manifestare contro il degrado e l’abbandono generale della città, dall’Ospedale a San Leone.

Si tratta di un gruppo di cittadini, che già il 1 giugno hanno manifestato a San Leone, si tratta di un insieme di liberi cittadini, alcuni dei quali hanno anche strutture ricettive, attività di ristorazione e commercio, professionisti. “Siamo esasperati, commentano. Noi ci siamo e continueremo ad esserci, anzi più saremo in queste mobilitazione, più  dimostreremo il nostro senso civico a tutti. Non c’è più tempo da perdere”.

Una rappresentanza è stata  ricevuta dal  Sindaco Lillo Firetto e dall’assessore Hamel,  per chiedere immediate decisioni e programmi per il ripristino del normale decoro urbano e della pulizia della città, non più rimandabile. Da parte dell’Amministrazione piena disponibilità, e con l’occasione  sono state comunicate alcune iniziative già predisposte per affrontare le emergenze che sono causa delle molteplici criticità verificatesi sul territorio, prima tra tutti l’ottimizzazione della raccolta differenziata.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04