Naufragio immigrati, Alfano: “Decisione procuratore Catania è tecnica”

Naufragio immigrati, Alfano: “Decisione procuratore Catania è tecnica”

0
SHARE
Immigrati appena salvati e sbarcati a Catania
Immigrati appena salvati e sbarcati a Catania

Quella del procuratore di Catania che avrebbe deciso di non recuperare i corpi dei migranti morti nel tragico naufragio del 18 aprile scorso è “una valutazione tecnica per la quale abbiamo grande rispetto”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano a Pesaro per una iniziativa elettorale a sostegno del candidato presidente Gian Mario Spacca ricandidato con Marche 2020-Ap, Dc, FI. Il procuratore di Catania, Giovanni Salvi ha detto infatti al quotidiano ‘La Repubblica’ che il recupero dei corpi rimasti nel barcone affondato “non sono utili alle indagini”. E poiche’ il recupero comporterebbe spese enormi “se – ha aggiunto Salvi – lo vuole fare il Governo o altri per motivi umanitari va bene”. Alfano ha dunque spiegato, riferendosi alla decisione del magistrato: “per mandare a giudizio gli scafisti non serve recuperare l’imbarcazione. Ma questo non toglie che il Governo possa fare tutte le ricerche che gli competono in quanto Governo e non dal punto di vista giudiziario. Sono due aspetti distinti e separati, quindi – ha concluso – non va strumentalizzata una decisione che è una decisione tecnica”. Di diverso parere la Procura della Repubblica di Agrigento – come scrive Repubblica stamani – che in analoghe circostanze ha disposto, tra le altre cose, il recupero dei cadaveri in ossequio ad alcuni principi elementari come stabilire l’identità delle vittime e consentire ai parenti e familiari in genere la costituzione di parte civile.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *