Neve: il deputato all’Ars Cani chiede lo stato di calamità naturale

Gabriele Terranova

Canicattì

Neve: il deputato all’Ars Cani chiede lo stato di calamità naturale

Pubblicato il Gen 11, 2017

“Le abbondanti nevicate che si sono verificate dal 5 al 7 gennaio 2017, hanno danneggiato migliaia di ettari di terreni coltivati a vigneti e frutteti nella zona del canicattinese. Stessa situazione si è registrata tra Licata e Palma di Montechiaro con le produzioni ortofrutticole. Segnalazioni arrivano anche da Ribera, a causa del danneggiamento di agrumeti, e da Menfi dove risultano compromesse intere coltivazioni di carciofi. Inoltre, per gli stessi motivi, molte aziende zootecniche nella zona montana della provincia di Agrigento – Cammarata, Santo Stefano Quisquina e San Giovanni Gemini – sono state letteralmente messe in ginocchio.

I danni, secondo una prima stima, sono ingenti ed attualmente in fase di quantificazione, ma certamente tali da compromettere coltivazioni ed aziende anche per gli anni a venire. Trascorsi questi giorni occorrerà, inoltre, fare una ricognizione puntuale, veloce e fattiva per valutare i danni e consentire alle aziende agricole e zootecniche di ottenere il giusto ristoro.

Per questi motivi, io sottoscritto Gaetano Cani, in qualità di Deputato Regionale del Gruppo Parlamentare Centristi per la Sicilia, chiedo che venga proclamato con la massima urgenza dal Governo Regionale da Lei Presieduto, lo Stato di Calamità Naturale per i comuni della provincia di Agrigento colpiti da questa eccezionale ondata di maltempo.”


Dal Web


  • Canicattì

    M5S, stasera i nomi dei candidati al Parlamento: chi corre in provincia di Agrigento

    Pubblicato il 21 01 2018

    Erano tre le preferenze che ciascun iscritto poteva esprimere nei confronti di un candidato. Un sistema sicuramente innovativo nel panorama democratico italiano che - però - ha presentato anche alcune problematiche “tecniche”: soprattutto nelle prime ore di mercoledì - primo giorno di votazion..

    Continua a Leggere

  • Canicattì

    Porto Empedocle, secondo giorno di sciopero degli operatori ecologici

    Pubblicato il 21 01 2018

    Niente raccolta dei rifiuti a Porto Empedocle per il secondo giorno di fila: non c’è stata la fumata bianca dopo l’incontro - avvenuto nella mattinata di ieri - tra il primo cittadino Ida Carmina e i lavoratori che protestano per il ritardo nel pagamento degli stipendi. Secondo giorno di sciope..

    Continua a Leggere

  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361