Omaggio degli U2 a Giusi Nicolini: “Non me l’aspettavo, pensavo a uno scherzo”

Redazione

PRIMO PIANO

Omaggio degli U2 a Giusi Nicolini: “Non me l’aspettavo, pensavo a uno scherzo”

di Redazione
Pubblicato il Lug 17, 2017
Omaggio degli U2 a Giusi Nicolini: “Non me l’aspettavo, pensavo a uno scherzo”

“Sono sincera, non mi aspettavo questo omaggio degli U2. Sabato sera ho iniziato a ricevere una serie di messaggi di persone che mi dicevano quanto accaduto al concerto degli U2. All’inizio, lo confesso, pensavo a uno scherzo. Poi, quando i messaggi e le telefonate sono diventate sempre di più, ho capito che era tutto vero. Sono stata molto sorpresa ed emozionata”. Così, l’ex sindaca di Lampedusa, Giusi Nicolini, racconta all’Adnkronos, l’emozione vissuta sia sabato sera che ieri sera, quando la sua immagine è apparsa verso la fine del concerto ‘The Joshua Tree Tour’ all’Olimpico di Roma. Mentre Bono Vox eseguiva il brano ‘Ultraviolet’, un omaggio alle donne, da Anna Frank a Simone de Beauvoir, passando per Grace Jones, Patti Smith, Angela Merkel e Ada Lovelace, è apparsa l’immagine di Giusi Nicolini. Insieme, tra le italiane, con Emma Bonino e Rita Levi Montalcini. “Mi chiedo cosa io abbia fatto di così straordinario – dice Nicolini, sconfitta lo scorso giugno alle amministrative di Lampedusa – Ma dopo la sconfitta mi rendo conto sempre di più che sono stata un sindaco un po’ controcorrente”.
Ho fatto cose che fanno parte della legalita” (AdnKronos) – Un omaggio che la “emoziona” e la “onora”. “Ho fatto cose che fanno parte della normalità – dice Giusi Nicolini – Parliamo di un fenomeno che appartiene alla storia. Dovremmo essere attrezzati a guardare con fiducia”. A fine giugno Giusi Nicolini ha ricevuto il Premio Unesco per la pace, in una cerimonia a Parigi, e lo scorso inverno, è stata invitata alla Casa Bianca dall’ex premier Matteo Renzi. Però, a giugno, ha perso le elezioni a Lampedusa: “Io ho perso sui temi della legalità, della lotta alla corruzione, della regolamentazione, mi rendo conto che ho fatto un lavoro impopolare”, dice. “E ti fa pagare dei prezzi”. Bono Vox, durante il concerto, ha voluto ringraziare l’Italia tutta per l’accoglienza. “Grazie Italia – ha detto dal palco – perché mantieni le tue promesse, grazie alla guardia costiera ed ai marinai che salvano migliaia di vite. Siete i migliori. In Europa siete i migliori!”.

mi-piace

Loading…


Dal Web


  • PRIMO PIANO

    Operazione Montagna, l’intervista al colonnello Giovanni Pellegrino

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/lAATr-r11Ss..

    Continua a Leggere

  • PRIMO PIANO

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • PRIMO PIANO

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • PRIMO PIANO

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • PRIMO PIANO

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • PRIMO PIANO

    Incidente mortale tra Aragona e Favara, agrigentino assolto da accuse

    Pubblicato il 22 01 2018

    “Assolto perché il fatto non costituisce reato”: è il dispositivo della sentenza pronunciato dalla VI Sezione Penale della Corte di Appello di Palermo nei confronti di M.C., che in primo grado aveva subito una condanna dal Tribunale di Agrigento a 9 mesi di reclusione. L’uomo era stato riten..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361