Omicidio Palumbo Piccionello a Favara: azzerato processo di appello

Omicidio Palumbo Piccionello a Favara: azzerato processo di appello

0
SHARE

Sviluppo nella vicenda dell’impreditore e costruttore favarese Antonio Baio, 75 anni, condannato a 30 anni per l’uccisione di Calogero Palumbo Piccionello. L’uomo che ha confessato l’omicidio avvenuto nel 2012, ha subito la dura sentenza in primo grado. Ora la Corte di Assise dove si stava celebrando l’appello ha subito un azzeramento in quando vi sono stati dei cambi con la conseguenza che la difesa proverà a giocare la carta dell’infermità mentale. “Il quadro probatorio – hanno sostenuto gli avvocati Giovanni Castronovo e Antonino Mormino, difensori dell’imputato tornato libero da tempo per scadenza dei termini – nella sentenza di primo grado non è stato esaminato compiutamente ed è indispensabile un accertamento di natura psichiatrica visto che, peraltro, la consulenza della difesa e la perizia disposta in primo grado dal giudice nonostante il rito abbreviato arrivano a conseguenze diametralmente opposte”.  In prima istanza la Corte di Assese aveva rigettato la richiesta dei legali, ma l’azzeramento della stessa fa ricominciare, di fatto, tutto da capo. La stessa Corte, composta da nuovi giudici, potrebbe decidere diversamente. Si oppongono alla richiesta i legali della parte civile che spiegano che “l’incapacità mentale dell’imputato è stata già esclusa da una perizia psichiatrica disposta al processo di primo grado e altri atti istruttori sarebbero superflui”. Si torna in aula il 30 giugno.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *