Panama papers, Grasso: paradisi fiscali buchi neri per mafiosi e corrotti

Redazione

Ultime Notizie

Panama papers, Grasso: paradisi fiscali buchi neri per mafiosi e corrotti

di Redazione
Pubblicato il Apr 13, 2016

“Rintracciare, identificare, riconoscere il denaro delle mafie, dei terroristi e delle reti dell’economia sommersa, ripulito da decine di transazioni, e’ la sfida del nuovo millennio. Un’economia che e’ difficile quantificare, ma che vale diversi punti percentuali del pil mondiale”. Lo ha detto il presidente del Senato Piero Grasso intervenendo al convegno dal titolo “Le rotte dei traffici illeciti in Europa e nel Mediterraneo. Le criminalita’ organizzate transnazionali, il terrorismo e le loro forme di finanziamento”, a Palazzo Giustiniani”. “In Italia abbiamo imparato prima di altri, fu Giovanni Falcone ad intuirlo per primo, che la lotta alle mafie transnazionali si gioca aggredendo i patrimoni illeciti, con la confisca e con la prevenzione e repressione del riciclaggio – ha ricordato Grasso -. E lo stesso vale per il terrorismo. Ma questo e’ un tema nel quale la cooperazione fra gli Stati incontra grandi difficolta’. E proprio la vicenda di questi giorni dei ‘Panama papers’, a prescindere dai suoi riflessi politici, espone chiaramente un nervo scoperto della comunita’ internazionale. Nei buchi neri rappresentati dai paradisi fiscali e bancari, sistemi giuridici che adottano l’opacita’ invece della trasparenza sulle ricchezze illecite o equivoche, possono infilarsi mafiosi, terroristi, corrotti, evasori, riciclatori. Io penso che sia giunto il momento perche’ la comunita’ internazionale affronti con determinazione e serieta’ questi temi, predisponendo strategie che eviterebbero altri morti, proteggerebbero la democrazia e renderebbero disponibili per i cittadini risorse che sono invece assorbite da terroristi, criminali mafiosi e colletti bianchi”


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361