Piero Giglione nuovo segretario Cna Sicilia

Redazione

Agrigento

Piero Giglione nuovo segretario Cna Sicilia

di Redazione
Pubblicato il Set 14, 2017
Piero Giglione nuovo segretario Cna Sicilia

E’ stato eletto all’unanimità dalla direzione, su proposta dell’Ufficio di Presidenza.
Piero Giglione, 43 anni, agrigentino, originario di Raffadali, è il nuovo segretario regionale della Cna Sicilia.
Succede a Mario Filippello che lascia l’incarico per sopraggiunti limiti di età.
“Porto entusiasmo, passione, dinamicità e tanta, tantissima voglia di fare da mettere al servizio dell’Organizzazione per promuovere e sostenere la crescita dell’artigianato e delle piccole e medie imprese”: queste le prime parole di Giglione, al termine delle operazioni di voto, svoltesi nella sede di Palermo in un clima positivo e di grande serenità.
“Ringrazio ovviamente – si è affrettato ad aggiungere il neo segretario regionale – entrambi gli organismi che hanno mostrato stima e fiducia, sia umana che professionale, nei miei confronti, ma vorrei anche esprimere gratitudine, per l’impegno profuso e per il lavoro realizzato, a chi mi ha preceduto in questa delicata guida”.
Piero Giglione arriva a questo importante incarico potendo contare su un ampio e qualificato bagaglio di esperienza, accompagnato da apprezzati riconoscimenti.
“La Cna per me è come una seconda famiglia – spiega – all’interno della quale mi sono sempre speso con spirito di sacrificio, dedizione, prestando cura ai rapporti umani e istituzionali nel rispetto dei ruoli e nel segno della lealtà e dell’efficienza”.
Nel corso degli anni, scanditi anche da significative esperienze amministrative negli enti locali, ha rivestito diversi ruoli dentro la Confederazione, come quello di segretario della sede territoriale di Raffadali, di direttore della filiale della città dei templi di Unifidi Imprese Sicilia e di segretario provinciale di Agrigento, incombenza che svolge tutt’ora.
“Le sfide mi stimolano e mi danno grande energia – ha evidenziato Giglione – consapevole comunque della responsabilità e dell’onere che un compito di questa dimensione si trascina dietro, specie in un momento come quello attuale, in cui serve un colpo di reni decisivo per consentire al tessuto produttivo siciliano di guardare nuovamente con fiducia al futuro. E dietro l’angolo incombono ormai le elezioni regionali che vanno attenzionate in modo propositivo e costruttivo. Fermo restando che non potranno esserci successi e risultati positivi senza il coinvolgimento e la partecipazione attiva di tutti. Assieme al presidente Battiato, con il quale lavorerò in stretta sintonia, e d’intesa con l’ufficio di presidenza e la direzione, formeremo una grande squadra, alla quale sono chiamate a dare il loro prezioso contributo le sedi provinciali e territoriali. Il Sistema Cna Sicilia – ha concluso Giglione – avrà l’opportunità di armonizzare e compattare forze e risorse per dare una concreta speranza al territorio che lavora e produce”.
mi-piace


Dal Web


  • Agrigento

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Agrigento

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361