Porto Empedocle, Fabrizio Messina rischia un nuovo processo

Redazione

Agrigento

Porto Empedocle, Fabrizio Messina rischia un nuovo processo

di Redazione
Pubblicato il Ago 9, 2018
Porto Empedocle, Fabrizio Messina rischia un nuovo processo

Violazione delle misure di prevenzione della sorveglianza speciale.

Dopo l’arresto arriva anche l’avviso di conclusione delle indagini preliminari firmato dal pubblico ministero  Gloria Andreoli.

Fabrizio Messina, già finito in carcere e condannato per mafia, rischia fortemente la richiesta di rinvio a giudizio  dopo essere stato arrestato nel febbraio dello scorso anno. A bloccarlo furono stati i carabinieri della stazione di Porto Empedocle che trovarono  Messina, fratello del boss ed ex latitante Gerlandino, all’interno del negozio ittico, che era ancora da inaugurare, del fratello Valentino in compagnia di alcuni pregiudicati.

Adesso la parola tocca agli avvocati difensori, Alfonso Neri e Salvatore Pennica per decidere il da farsi.

Fabrizio Messina nel 2016 ottenne dall’ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Agrigento, la liberazione anticipata, riducendo di 270 giorni la pena, perché “il detenuto ha tenuto un comportamento consono alle regole penitenziarie, dando prova di partecipazione all’opera di rieducazione, prendendo parte alle realtà trattamentali offertegli”.

Il 26 giugno dello stesso anno, dopo aver scontato 4 anni a seguito di condanna nell’ambito dell’operazione antimafia “Nuova cupola”, Fabrizio Messina aveva lasciato il carcere di Parma dove era detenuto in regime di 41 bis. Un mese dopo venne però raggiunto da un nuovo ordine di carcerazione, emesso dalla Procura generale presso la Corte di appello di Palermo, per scontare altri 7 mesi e 29 giorni per un “cumulo di pene per associazione mafiosa e altri reati”.

 

 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04