Porto Empedocle, turista in crociera si sente male: soccorso dalla Guardia costiera

Porto Empedocle, turista in crociera si sente male: soccorso dalla Guardia costiera

0
SHARE
Turista soccorso dalla Guardia costiera

Turista soccorso dalla Guardia costiera
Turista soccorso dalla Guardia costiera
La Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Porto Empedocle ha effettuato un intervento di soccorso per l’evacuazione urgente via mare di un passeggero dalla nave da crociera Rhapsody of the seas.
Alle ore 8.00 di questa mattina l’unità, in navigazione da Malta a Cagliari a circa 35 miglia a sud-ovest dello scalo empedoclino, ha contattato via radio la Capitaneria di Porto per segnalare la necessità di intervento in favore di un passeggero, un cittadino inglese di 66 anni, affetto da problemi cardiaci. La sala operativa (responsabile: Sottotenente di Vascello Stefania Battista) ha immediatamente informato il Cirm (Centro Internazionale Radio Medico, con sede a Roma, che ha lo scopo di fornire assistenza telemedica ai naviganti di ogni nazionalità), il cui personale ha monitorato le condizioni sanitarie del paziente e fornito il nulla-osta alla Capitaneria di Porto per il suo trasbordo su un’unità navale della Guardia Costiera.
Su disposizione della Direzione Marittima di Palermo, che ha coordinato le operazioni in qualità di Centro secondario di soccorso marittimo, la motovedetta CP 819 della Guardia Costiera (C.° 1^ cl. Corso, Sc. 2^ cl. Barbata, Sc. 2^ cl. Cannizzaro) alle ore 8.25 ha mollato gli ormeggi da P. Empedocle per dirigersi verso l’unità da crociera, intercettata alle ore 9,35 a circa 21 miglia dalla costa. I militari hanno provveduto al trasbordo del passeggero – accompagnato dalla moglie e da un medico di bordo munito di defibrillatore portatile – sulla motovedetta che ha poi fatto rientro a Porto
Turista soccorso dalla Guardia costiera
Turista soccorso dalla Guardia costiera
Empedocle dove, poco prima di mezzogiorno, l’uomo è stato affidato ad un’ambulanza del servizio 118 per il successivo trasferimento all’Ospedale Civile di Agrigento.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY