Poste: Schifani, mantenere qualita’ servizio in Sicilia

Redazione

Sicilia

Poste: Schifani, mantenere qualita’ servizio in Sicilia

di Redazione
Pubblicato il Mar 11, 2016

“Rimodulare il nuovo piano industriale di Poste Italiane per la Sicilia, anche attraverso un tavolo tecnico, garantendo il mantenimento della medesima qualita’ del servizio e gli stessi livelli occupazionali, ed evitando la presunta riduzione delle piante organiche del 35 per cento. Ma soprattutto riconoscere la centralita’ della citta’ di Palermo nelle scelte aziendali, considerate le peculiarita’ del capoluogo siciliano”. E’ quanto chiede in un’interrogazione urgente al ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, il presidente del gruppo al Senato di Area popolare Ncd-Udc, Renato Schifani, il quale lamenta in riferimento alla Regione Siciliana una riorganizzazione aziendale da parte di Poste Italiane “senza rispetto di alcun tipo di proporzione territoriale o demografica, e con una Sicilia spaccata in due zone disomogenee, comprendenti rispettivamente 6 Provincie (Catania, Messina, Siracusa, Ragusa, Enna e Caltanissetta), per l’area orientale, e solo 3 per quella occidentale (Palermo, Trapani e Agrigento)”. Ma ad essere oggetto di preoccupazione per l’ex presidente del Senato, e’ il futuro del servizio per la citta’ di Palermo. Infatti dal 5 ottobre Poste Italiane ha deciso di limitare l’arrivo della corrispondenza postale per via aerea al solo aeroporto di Catania, e non piu’ anche a quello di Palermo. Cosi’ che lo smistamento verso il capoluogo siciliano avverra’ esclusivamente attraverso il trasporto su gomma. Il risultato sara’, quindi, di allungare i tempi di consegna con il rischio che la corrispondenza dei cittadini palermitani potrebbe essere recapitata con 2-3 giorni di ritardo. Una situazione grave che, come precisa Schifani, non tiene conto che “Palermo e’ la quinta citta’ d’Italia per numero di abitanti ed ha tutte le caratteristiche essenziali, a partire dalla densita’ di popolazione, per essere considerata una realta’ metropolitana, oltre ad essere sede dell’Assemblea regionale siciliana, e dei vari Assessorati, ma anche di numerosi Consolati stranieri”


Dal Web


  • Sicilia

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Sicilia

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Sicilia

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Sicilia

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361