Ragusa

Produceva capi abbigliamento falsi: sequestrata società a Ragusa

di Redazione
Pubblicato il Lug 26, 2016
Produceva capi abbigliamento falsi: sequestrata società a Ragusa

La Guardia di finanza di Ragusa ha individuato e sottoposto a sequestro un’attività dedita alla produzione, a livello imprenditoriale, di capi d’abbigliamento con marchi protetti da diritti di privativa industriale, di cui il titolare non era in possesso. L’attività svolta dalle Fiamme Gialle di Vittoria, anche in collaborazione con il Nucleo Speciale Tutela Proprietà Intellettuale e il Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza, ha permesso l’individuazione di ben 250 marchi registrati riprodotti illecitamente, tra cui quelli riguardanti noti campionati e squadre di calcio nazionali e non, case automobilistiche, case motociclistiche e cantanti italiani e stranieri. L’impresa, con sede ad Acate, ha operato sia a livello nazionale che a livello internazionale, grazie all’utilizzo di numerose piattaforme informatiche, tutte sottoposte a sequestro, attraverso le quali ha gestito la pubblicizzazione e le prenotazioni dei prodotti. In particolare, sono stati oscurati 2 siti web, vari social network, programmi di messaggistica istantanea e 2 applicazioni per smartphone. Inoltre, sono state sequestrate dai finanzieri varie attrezzature tra cui migliaia di adesivi con marchi contraffatti da stampare a caldo sui capi d’abbigliamento, 5 mila capi d’abbigliamento già riportanti marchi contraffatti, 60.000 file di grafica con marchi contraffatti, “scaricati” dal web e ridefiniti per la stampa digitale da grafici professionisti. Il titolare dell’impresa è stato denunciato per contraffazione. Chi acquista merce contraffatta, rischia una sanzione da 100 euro fino a 7.000 euro. Da evidenziare, per la riuscita dell’operazione, è stata la sinergia con i titolari dei diritti di privativa industriale realizzata attraverso il S.I.A.C. – Sistema Informativo Anti-Contraffazione.


Dal Web


  • Ragusa

    Palma di Montechiaro, pistola e cartucce sotto il lavandino: arrestato 36enne

    Pubblicato il 14 12 2017

    I carabinieri della Compagnia di Licata e della stazione di Palma di Montechiaro, nell'ambito di un servizio di prevenzione sul territorio di Palma, hanno  intensificato i controlli su strada e nelle adiacenze degli esercizi commerciali, con vari posti di blocco, identificando e sottoponen..


  • Ragusa

    “Linguaggio mafioso – scritto, parlato, non detto”, di Giuseppe Paternostro

    di Redazione
    Pubblicato il 14 12 2017

    E’ usci..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361