Agrigento

Prefetto di Agrigento: “Eritrei restii a raccolta impronte e foto”

Tra le più recenti difficoltà registrate nell’hotspot di Lampedusa c’è quello della raccolta delle impronte digitali soprattutto da parte dei migranti provenienti dall’Eritrea, situazione che si è andata incrementando dagli inizi di dicembre con la formazione di un gruppo di 230 persone determinate a non farsi raccogliere le impronte.

La rivendicazione è la scelta del Paese in cui venire ospitati”. Così il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, in audizione davanti alla commissione parlamentare d’inchiesta Migranti, spiegando che “la linea seguita è stata farli parlare giorno per giorno con il personale dell’ente gestore e con le forze di polizie per spiegare la necessità di ottemperare alla normativa prevista”. Riguardo la procedura di accoglienza, a causa della “rigidità del fot

osegnalamento senza il quale non si procede più al trasferimento – ha aggiunto il questore Finocchiaro – la permanenza nell’hotspot di Lampedusa per molti migranti, eritrei, si è allungata rispetto al massimo di 72 ore previste dalla road map”. Ma “negli ultimi sbarchi la tendenza è cambiata – ha sottolineato Finocchiaro – Il rifiuto del foto-segnalamento è caduto e, se si continua così, i tempi di permanenza saranno notevolmente abbreviati”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Most Popular

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top