Racalmuto, ricordato l’appuntato dei carabinieri Alfonso Principato

Redazione

focus

Racalmuto, ricordato l’appuntato dei carabinieri Alfonso Principato

di Redazione
Pubblicato il Apr 16, 2018
Racalmuto, ricordato l’appuntato dei carabinieri Alfonso Principato

Oggi, 16 aprile 2018 è stata celebrata la ricorrenza del 33° anniversario dell’uccisione dell’Appuntato dell’Arma dei Carabinieri Alfonso Principato, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria, assassinato il 15 aprile 1985 a seguito di conflitto a fuoco occorso in servizio nel territorio di Racalmuto.

Per la circostanza, alle ore 10.00 – presso il cimitero “Bonamorone” di Agrigento – è stata deposta una composizione floreale sulla tomba del militare vittima del dovere, alla presenza dei familiari e delle massime Autorità civili e militari provinciali.

Successivamente, alle ore 11.00 presso la Chiesa San Diego di Canicattì, è stata celebrata una Santa Messa da parte del Cappellano Militare della Legione Carabinieri “Sicilia” (Don Salvatore Falzone), unitamente al locale parroco (Don Salvatore Casà), alla quale hanno partecipato i familiari del Decorato (il fratello Giuseppe e le sorelle Concetta e Palma), il Comandante Provinciale dei Carabinieri (Tenente Colonnello Giovanni Pellegrino), il Prefetto (dott. Dario Caputo), il Vice Questore Vicario, il Sindaco di Canicattì, i Vertici degli Uffici Giudiziari di Agrigento, quelli delle Forze dell’Ordine locali, Magistrati in quiescenza ed altre Autorità civili e militari. Era presente anche una rappresentanza di circa 60 studenti di scuola media inferiore (Istituto Comprensivo “S. Gangitano”) e di scuola media superiore (Istituto Tecnico Commerciale per Geometri “G. Galilei”) di Canicattì e rappresentanze dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo delle Sezioni di Agrigento, Palma di Montechiaro e Santo Stefano Quisquina.

All’Appuntato Alfonso Principato fu tributata la Medaglia d’Oro al Valor Militare “alla memoria” con la seguente motivazione:

“Durante un servizio perlustrativo inseguiva tre malfattori che dopo aver consumato due rapine a mano armata, abbandonato il mezzo sul quale viaggiavano, cercavano di far perdere le proprie tracce con la fuga nei campi. Raggiunto, dopo reiterati conflitti a fuoco, uno dei rapinatori, mentre con determinazione e sprezzo del pericolo lo affrontava, veniva da questi mortalmente ferito. Fulgido esempio di elette virtù militari spinto fino al sacrificio della vita”.

 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04