Raffadali, 30enne precipita dal terzo piano: Giuseppe Curaba è in coma

Raffadali, 30enne precipita dal terzo piano: Giuseppe Curaba è in coma

Condividi
Giuseppe Curaba

Giuseppe Curaba, il 30enne precipitato ieri dal terzo piano
Giuseppe Curaba, il 30enne precipitato ieri dal terzo piano

Lotta tra la vita e la morte Giuseppe Curaba, 30 anni di Raffadali, protagonista ieri di una rovinosa caduta dal terzo piano della sua abitazione, in via A10.

Il ragazzo è precipitato, con dinamiche ancora del tutto da chiarire, da circa 10 metri di altezza impattando sul selciato. La situazione è apparsa subito grave sia per le numerose fratture riportate sia per una emorragia celebrale che desta preoccupazione.

Giuseppe Curaba, il 30enne precipitato dal terzo piano
Giuseppe Curaba, il 30enne precipitato dal terzo piano

Secondo quanto è stato accertato e ricostruito dai carabinieri, il giovane stava scaricando dei sacchi di sansa che avrebbero dovuto alimentare una caldaia o una stufa. Non è ancora chiaro cosa sia effettivamente accaduto. Forse si è rotto il montacarichi o il trentaquattrenne si è sporto eccessivamente.

L’uomo è caduto da una altezza di 11 metri. E’ stato soccorso e trasportato all’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento da dove i medici, accertando la gravità delle ferite – è in coma –  ne hanno disposto il trasferimento, in elisoccorso, all’ospedale “Villa Sofia” di Palermo.

La comunità raffadalese si è compattata pregando e sperando che Curaba possa farcela. Il giovane è una persona abbastanza conosciuto nel paese anche per la passione del calcio che, a Raffadali, è condivisa da molti.

 

 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *