Rapina in farmacia. Arrestati tre giovani palermitani

Redazione

Cronaca

Rapina in farmacia. Arrestati tre giovani palermitani

di Redazione
Pubblicato il Nov 7, 2018
Rapina in farmacia. Arrestati tre giovani palermitani

La polizia di Stato ha arrestato i palermitani Emanuele Lanza, 19 anni, Herman Sirchia, 20 anni, e Salvatore Cristian Lopes, 22 anni, accusati di rapina aggravata in concorso.

I tre ieri sera sono stati bloccati in via Berrettaro a Palermo dopo un colpo messo a segno alla farmacia Cali’ inaugurata due settimane fa.

I giovani hanno minacciato i clienti e i titolari della farmacia armati di pistola. Hanno preso i soldi in cassa e sono fuggiti. Fuori dell’esercizio commerciale hanno trovato gli agenti di polizia. I poliziotti li hanno bloccati e portati i questura e poi in cella al Pagliarelli. Sono in corso indagini per stabilire se Lanza, Sirchia e Lopes sono i responsabili di altri colpi messi a segno in questi giorni a Palermo.

Arresto rapinatori in farmacia

LA POLIZIA DI STATO ARRESTA TRE GIOVANI PREGIUDICATI PALERMITANI CHE, ARMATI E TRAVISATI, AVEVANO ASSALTATO UNA FARMACIA La Polizia di Stato ha tratto in arresto nella flagranza del reato di rapina aggravata in concorso ai danni di una Farmacia del centro cittadino, tre giovani pregiudicati palermitani rispettivamente di 19, 20 e 22 anni.Ieri sera, intorno alle 18.30, tre giovani armati di pistola, travisati da passamontagna e indossanti guanti in lattice, hanno fatto irruzione a scopo di rapina all’interno di una Farmacia di via Berrettaro; minacciando i presenti, non esitando a puntare al loro indirizzo una pistola, poi rivelatasi scacciacani ma priva del tappo rosso, i malviventi hanno arraffato il denaro custodito nelle casse, qualche centinaio di Euro, accingendosi poi a guadagnarsi precipitosamente la fuga. Proprio durante le concitate fasi della rapina, una Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico in servizio di controllo del territorio e di prevenzione dei reati, transitava nei pressi della Farmacia; agli Agenti non è sfuggito che al suo interno stesse accadendo qualcosa di sospetto; scesi immediatamente dalla vettura di servizio e avvicinatisi alla vetrata dell’esercizio hanno intravisto la sagoma di uno dei rapinatori che presidiava la zona dell’ingresso, in funzione di palo; gli altri due individui, invece, si trovavano oltre il bancone, vicino al registratore di cassa. Valutate attentamente le circostanze e le opzioni disponibili, i poliziotti hanno fatto irruzione all’interno della Farmacia, sorprendendo i malviventi e, non dando loro alcuna possibilità di reazione o di fuga, li bloccavano, disarmavano quello di loro, che impugnava la pistola e li immobilizzavano a terra, ammanettandoli.E’ stato sufficiente per gli esperti poliziotti togliere i passamontagna ai tre arrestati, per riconoscere tre noti pregiudicati di Borgo Nuovo, due dei quali ritenuti responsabili in passato di altre rapine. Nello stesso contesto gli agenti hanno provveduto al sequestro dell’arma, una pistola semiautomatica, da attenta verifica risultata essere una scacciacani ma priva del tappo rosso, corredata dal relativo caricatore ed esattamente identica ad una pistola vera. Il bottino che uno dei malviventi aveva occultato nei propri pantaloni è stato restituito, invece, al titolare della Farmacia.I tre malviventi, al termine degli adempimenti di rito, sono stati condotti presso la Casa Circondariale “Lorusso” di Pagliarelli.Ulteriori indagini sono in corso in ordine ad altri episodi delittuosi compiuti nell’ultimo periodo nel capoluogo e realizzati con modalità analoghe alla rapina in questione, ovvero con l’utilizzo di pistole, passamontagna e guanti in lattice per non lasciare impronte digitali, elementi che si addicono a rapinatori ben organizzati ed avvezzi a tali crimini.

Publiée par Questura di Palermo sur Mercredi 7 novembre 2018


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04