Rapina villa con delitto: la vittima ha riconosciuto il suo assassino

Rapina villa con delitto: la vittima ha riconosciuto il suo assassino

0
SHARE
Alfio Longo, vittima della brutale rapina

La villetta teatro dell'omicidio
La villetta teatro dell’omicidio
E’ stata brutale l’uccisione di Alfio Longo, 66 anni, elettricista in pensione, avvenuta questa notte durante una rapina nella sua villetta di Biancavilla, in contrada Crocefisso, nella periferica zona Milia. L’anziano si trovava in casa con la moglie, Enza Ingrassia, quando due ladri armati di bastoni sono entrati nella camera da letto da una finestra, passando dalle vigne che circondano la villa. Uno dei due rapinatori, a volto scoperto, sarebbe stato riconosciuto dalla vittima. «Io ti conosco», avrebbe urlato Longo. I due assalitori avrebbero tramortito il 66enne e la moglie sarebbe stata costretta a legarlo al letto con un lenzuolo. Poi sarebbe stata portata in un’altra stanza e legata a un divano. Dopo aver bloccato la donna, uno dei due assalitori si sarebbe diretto nuovamente nella camera di Alfio Longo e lo avrebbe ucciso, colpendolo con violenza con un ceppo di vite. Sul posto la scientifica, i carabinieri della compagnia di Paternò che indagano sull’omicidio e il comandante provinciale Alessandro Casarsa nonché i Ris di Messina per i sofisticati accertamenti scientifici. La procura di Catania ha aperto un’inchiesta. All’esterno della casa numerosi familiari e amici della coppia. «Non è il momento delle parole, ma della sofferenza», si sono limitati a dichiarare ai cronisti. «Un atto terribile – commenta un cognato – Vogliamo sapere cosa è accaduto e chiediamo che sia fatta giustizia».

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *