Catania

Rapinano agente di commercio: tre arresti della Squadra mobile

Personale della Polizia di Stato di Catania ha arrestato: Orazio Luciano Sciacca, 30 anni, pregiudicato; Umberto Dainotti, 53 anni, pregiudicato; Alessandro Lo Presti, 37 anni, pregiudicato, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere del Gip del Tribunale di Catania, responsabili del reato di rapina aggravata in concorso.
Nella mattinata del 25 luglio u.s., un agente di commercio dopo avere ritirato la somma di € 600,00 da un’attività commerciale, di via Galermo, si rimetteva in auto per continuare la giornata lavorativa.
Subito veniva affrontato da due persone a volto scoperto, che facendogli intendere di essere armati, gli intimavano di consegnare loro il denaro. A seguito dell’opposizione della vittima, i malviventi lo immobilizzavano, lo picchiavano e gli strappavano la tasca dei pantaloni ove era custodita la somma, portandogli via anche una collana in oro che aveva al collo.
Scappavano poi a bordo di uno scooter condotto da un terzo complice.
La somma derubatagli ammontava a circa 1.500,00 €, frutto di più incassi.
Personale della Squadra Mobile – Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” intervenuto sul posto, visionando le registrazioni dei più sistemi di videosorveglianza, accertava l’effettiva dinamica dei fatti.
Il mosaico dei filmati recuperati dagli operatori consentiva di individuare non solo i due autori materiali della rapina ma anche il terzo complice nonché il mezzo utilizzato per la fuga.
Il motociclo risultava, tuttavia, intestato ad una persona le cui caratteristiche fisiche non corrispondevano a nessuno dei tre autori della rapina. Poiché questi avevano caratteristiche fisiche e tatuaggi difficilmente non riconoscibili, tanto che, il successivo 26 luglio, uno di loro veniva riconosciuto su strada dagli operatori che lo controllavano ed identificavano in Orazio Luciano Sciacca. I controlli incrociati in banca dati consentivano l’individuazione del secondo autore materiale in Alessandro Lo Presti.
Il giorno successivo, il medesimo personale individuava lo scooter utilizzato per la fuga ed accertava che il mezzo era nella disponibilità di Umberto Dainotti, che veniva immediatamente riconosciuto come il terzo concorrente.
Dopo le formalità di rito, i predetti sono stati associati presso la casa circondariale di Catania Piazza Lanza.
 mi-piace

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top