Sicilia

Regione Sicilia, nome per gare d’appalto più celeri, giunta inserisce norma

di Redazione
Pubblicato il Ott 28, 2016
Regione Sicilia, nome per gare d’appalto più celeri, giunta inserisce norma

Rendere piu’ celeri i tempi di aggiudicazione delle gare d’appalto, ampliare la platea dei soggetti abilitati a celebrarle, maggiore trasparenza. Sono gli obiettivi di una norma di modifica alla legge regionale che introduce in Sicilia il nuovo Codice degli appalti, inserita nella manovra di assestamento di bilancio e approvata ieri dalla giunta Crocetta. “Questa norma ci consente di allineare le soglie delle gare al codice degli appalti, con il nuovo sistema la gare superiori a 1 milione di euro saranno gestite dall’Urega. Viene ampliata – ha detto in conferenza stampa l’assessore regionale alle Infrastrutture Giovanni Pistorio – la platea delle risorse umane da utilizzare nelle commissioni di gara. Oltre ai componenti degli Urega attuali ci saranno i dirigenti delle stazioni tecniche degli Urega, dei geni civili e della protezione civile e sara’ creato un albo sulla base di un avviso pubblico al quale potra’ partecipare personale tecnico delle pubbliche amministrazione. Abbiamo previsto tempi stretti per lo svolgimento delle gare: 30 giorni per l’esame della documentazione pre-gara, un termine ordinario di 30 giorni per celebrarle e uno di 45 giorni per le gare piu’ complesse. I componenti delle commissioni saranno remunerati in base al carico di lavoro reale e delle offerte da esaminare e non sulla base del numero di sedute alle quali partecipano (come avviene adesso, ndr) e un sistema sanzionatorio per i ritardi, inclusa la cancellazione dall’albo”. “In vista dei 1.100 cantieri che saranno avviati con il Patto per il Sud – ha detto il governatore della Sicilia Rosario Crocetta – ai quali si aggiungono quelli previsti dai patti con le citta’ metropolitane, ci siamo posti il problema di prevedere delle norme che velocizzano le gare, aumentano la trasparenza e fissano incentivi”. “Auspichiamo che questa norma inserita nella manovra di assestamento – ha concluso – all’Ars abbia una corsia privilegiata, affinche’ venga stralciata e con un corridoio privilegiato venga approvata entro novembre”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361