IN EVIDENZA

Riempie di botte la moglie per giocare alle slot machine: arrestato

Picchia la moglie per giocare allo slot machine per comprarsi da bere e finisce in carcere. E’ accaduto a PALERMO, dove i Carabinieri hanno arrestato un 63enne F.L.P., venditore ambulante. La pattuglia del Nucleo Radiomobile, giunta, a seguito di una segnalazione telefonica al 112 che, riferiva di una lite violenta, ha trovato sul posto, l’uomo che, contrariato dall’arrivo degli uomini in divisa, ha iniziato ad insultare i condomini urlando: ”…Qualche cornuto e sbirro non si fa i cazzi suoi”. Nel frattempo è arrivata la moglie che, tra le lacrime, ha invitato i Carabinieri ad entrare in casa, raccontando un passato di violenze e soprusi. “L’uomo a causa della sua dipendenza dall’alcol era diventato molto violento, tant’è che l’ultimo decennio era stato per la donna un vero e proprio calvario dove le botte, le minacce e le offese erano all’ordine del giorno – dicono i militari – Il culmine si era verificato sei anni prima, ovvero, quando lei aveva iniziato a percepire una piccola pensione d’invalidità, di cui, lui, si impossessava per poi sperperare i denari tra alcol, slot machine e gratta e vinci”. Aperta la porta di casa, la donna ha mostrato ai Carabinieri, la cucina e la camera da pranzo, dove pochi minuti prima si era consumata l’ultima aggressione; stanze in disordine con cocci di vetro in terra e cibo riverso sui mobili e sul pavimento. L’uomo, a dire, della vittima, quella sera, aveva iniziato a chiederle in maniera sempre più insistente 100 euro. Al rifiuto era andato su tutte le furie, lanciandole contro una fruttiera in vetro ed altri suppellettili, colpendola al fianco, al braccio e in altre parti del corpo, minacciandola, ancora, di consegnargli il denaro che custodiva e che, se non l’avesse fatto, l’avrebbe ammazzata prendendo prima un coltello da cucina che gli puntava contro il fianco e poi si serviva di un cacciavite che gli spingeva con forza all’altezza del torace, dicendo: “Se non mi dai i soldi stavolta ti ammazzo davvero”. Riuscita a divincolarsi era scappata in bagno chiudendosi a chiave, chiedendo aiuto, mentre il marito tentava di aprire la porta gridando: ”E’ inutile che chiami i carabinieri…” L’uomo accompagnato n caserma, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato tratto in arresto e sottoposto al giudizio con il rito direttissimo conclusosi con la convalida dell’arresto e tradotto presso la casa circondariale Pagliarelli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che gli contesta sia la tentata estorsione che le lesioni personali.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top