Rubano auto che resta in panne: ladri chiedono a passante di dare una spinta

Redazione

Catania

Rubano auto che resta in panne: ladri chiedono a passante di dare una spinta

di Redazione
Pubblicato il Set 19, 2017
Rubano auto che resta in panne: ladri chiedono a passante di dare una spinta

Nei giorni scorsi, agenti del Commissariato Borgo Ognina hanno denunciato in stato di libertà il pluripregiudicato cinquantacinquenne S. C., responsabile insieme a un altro complice del furto di una Smart City Coupé avvenuto nei pressi di piazza Abramo Lincoln.
Le indagini sono scattate dopo la denuncia della vittima e si sono avvalse anche di alcune immagini grazie alle quali è stato identificato il mezzo utilizzato dai malfattori per giungere sul luogo del furto.

Ecco filmato il furto della Smart

E proprio dalle immagini è emerso un fatto curioso: i due, dopo aver rubato l’autovettura, sono stati costretti a chiedere aiuto a un passante perché la Smart si era improvvisamente spenta; l’uomo, ignaro di quanto stesse accadendo, si è cortesemente offerto di spingere l’auto, facendo così un inconsapevole “favore” ai due malfattori.
Ciò, comunque, non è bastato a portare a buon fine il colpo: l’auto, infatti è stata riconsegnata al proprietario e, sottoposta ai rilievi del personale del Gabinetto regionale di polizia scientifica, ha rivelato la presenza di impronte digitali che inequivocabilmente fanno risalire al pregiudicato S.C.
mi-piace


Dal Web


  • Catania

    Operazione Montagna, il procuratore Lo Voi: “Cosa Nostra agrigentina più viva che mai”

    Pubblicato il 22 01 2018

    E' in corso la conferenza stampa, presieduta dal Procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, insieme all'aggiunto Paolo Guido, in seguito al maxi blitz effettuato dai carabinieri questa notte e che ha portato all'arresto di 56 persone. [gallery ids="300202,300203"]   http..

    Continua a Leggere

  • Catania

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..

    Continua a Leggere

  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361