Sciopero generale: in piazza dipendenti forestali e dell’Esa

Sciopero generale: in piazza dipendenti forestali e dell’Esa

0
SHARE

Forestali e dipendenti dell’Esa in piazza per lo sciopero generale regionale indetto da Flai Cgil, Uila Uil e Fai Cisl. Sono due le manifestazioni organizzate in Sicilia. Centinaia di lavoratori, secondo i sindacati, sono gia’ radunati a Palermo, dove e’ stato organizzato un sit-in davanti a Palazzo D’Orleans; mentre i colleghi delle province di Ragusa, Siracusa, Messina e Catania protestano davanti agli ex locali dell’Esa,nel capoluogo etneo. Secondo le organizzazioni sindacali, per consentire ai circa 24 mila forestali siciliani, addetti al servizio di manutenzione boschiva e al servizio antincendio, di espletare le attivita’ entro l’anno servono circa 100 milioni di euro. Circa 88 milioni dovrebbero essere stanziati dal Cipe, i restanti 20 milioni dal governo regionale. I forestali, infatti, per legge devono svolgere entro l’anno 78, 101 e 151 giornate di lavoro. Per gli oltre 450 dipendenti dell’Esa, impiegati in attivita’ di prevenzione del rischio idrogeologico, invece, servirebbero altri 5 milioni. I sindacanti nei giorni scorsi hanno inviato una lettera al governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, e chiesto un incontro per oggi. “La situazione e’ drammatica – dice Fabrizio Colonna della Fai Cisl-, chiediamo al governo di sbloccare l’iter per le assunzioni e avviare al lavoro questo personale entro il 20 settembre. Senza un intervento i forestali non riusciranno a completare le giornate di lavoro entro l’anno. Per le stesse ragioni chiediamo a governo e parlamento di mettere mano subito mano alla manovra correttiva”. Per la Cisl “va istituita una cabina di regia per la prevenzione del rischio idrogeologico, utilizzando forestali, dipendenti dell’Esa e dei consorzi di bonifica”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *