Si masturbava davanti a loro: manette per il terrore delle studentesse

Redazione

IN EVIDENZA

Si masturbava davanti a loro: manette per il terrore delle studentesse

di Redazione
Pubblicato il Feb 13, 2016
Si masturbava davanti a loro: manette per il terrore delle studentesse

Gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato a Ragusa il cittadino rumeno, George Mustafa, di 29 anni, che deve scontare una pena in carcere per il reato di violenza sessuale e atti osceni in luogo pubblico. Il giovane nel 2011 era diventato il terrore delle giovani donne ragusane che orbitavano nella zona di via Palma di Montechiaro, in particolar modo le studentesse minorenni. Le seguiva fino a casa ed appena entravano nell’androne le bloccava, le toccava nelle parti intime e poi si masturbava davanti a loro. La serialità dei crimini commessi aveva un unico comune denominatore, l’autore era affetto da mutismo. Ed e’ stata proprio la caratteristica del mutismo del violentatore a rendere certa la sua identificazione. Dopo un primo periodo di custodia cautelare in carcere e la successiva condanna per violenza sessuale e atti osceni in luogo pubblico per 3 anni e 6 mesi, l’indagato era prima rimasto in carcere e poi in detenzione domiciliare. Tornato in libertà per effetto della liberazione anticipata, si era reso subito irreperibile non rispettando le prescrizioni del magistrato di sorveglianza.

E cosi’ la Squadra mobile e la Divisione Anticrimine hanno chiesto e ottenuto un altro mandato di cattura. Mustafa, gia’ all’epoca dei fatti commessi, era solitamente impegnato a mendicare davanti farmacie, chiese e supermercati in quanto non aveva intenzione di lavorare, pertanto, non appena in possesso dell’ordine dei cattura, gli agenti della Divisione Anticrimine e della Squadra Mobile si sono subito recati a controllare questi luoghi. L’indagato pero’ non era piu’ domiciliato a RAGUSA da un anno e risultava irreperibile sul territorio ibleo ma, uno dei poliziotti impegnati nelle ricerche era certo di averlo visto pochi giorni prima nel centro cittadino di Ragusa. Sono bastate 24 ore agli agenti per scovarlo. Le fasi della cattura sono state particolarmente movimentate, in quanto Mustafa, non appena ha riconosciuto gli investigatori, si e’ subito dato a precipitosa fuga, ma e’ stato bloccato dopo un inseguimento e condotto in carcere.


Dal Web


  • IN EVIDENZA

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • IN EVIDENZA

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • IN EVIDENZA

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • IN EVIDENZA

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361