Sicilia, Alfano: ”Governo dichiarerà stato emergenza su A19” (video)

Sicilia, Alfano: ”Governo dichiarerà stato emergenza su A19” (video)

216 views
0
SHARE
Il ministro Angelino Alfano oggi a Palermo. Accanto il prefetto di Agrigento, Diomede

“Abbiamo affrontato temi molto delicati per quanto riguarda la situazione della sicurezza e dell’ordine pubblico in Sicilia: dal tema del Muos con il prefetto di Caltanissetta alla questione sull’emergenza criminalità a Gela e l’accoglienza dei migranti”. Così il ministro dell’Interno Angelino Alfano a Palermo parlando degli argomenti affrontati nella riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza, che si è svolto nella sede della prefettura del capoluogo siciliano. Al vertice hanno preso parte i prefetti di Palermo, Caltanissetta e Agrigento, il viceprefetto vicario di Trapani e i rappresentanti della sicurezza territoriali. “Abbiamo parlato con il comandante regionale dell’Arma dei carabinieri, Governale: il 9 maggio ci sarà l’apertura del covo di Riina, sequestrato e confiscato. Sarà un momento che riafferma la forza dello Stato che sa vincere. Non è questa la sede in cui si possono dare informazioni che attengono al segreto dell’indagine, ma lo sforzo dello Stato è massimo per catturare Messina Denaro. Il sequestro dei beni a persone a lui vicine, ai suoi presunti o accertati prestanome ci lascia ben sperare. Ovviamente non ci previsioni certe, non c’è una data”.

Il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha poi spiegato ai giornalisti presenti in Prefettura che “con riguardo al crollo del viadotto di due settimane fa, il danno è già stato studiato dall’Anas e il Governo è pronto a dichiarare lo stato di emergenza. Questo è un elemento di grande chiarezza per dare una immediata risposta a quei siciliani che si trovano parte di due Sicilie completamente separate”. “La gravità di questo danno è stata evidenziata sia dal Prefetto di Palermo che dal Prefetto di Caltanissetta e di Agrigento – spiega ancora Alfano – perché si tratta di una situazione di reale emergenza”. Alfano ha spiegato che la dichiarazione dello stato di emergenza consentirà “la demolizione del viadotto esistente, la realizzazione della bretella di collegamento e la ricostruzione dei due viadotti”. Parlando dei tempi legati per la ricostruzione Alfano ha detto: “Secondo le informazioni che abbiamo avuto dall’Anas i lavori potrebbero avere una durata compresa tra i 15 e i 18 mesi a partire dal completamento dei lavori di demolizione. Il costo dell’opera invece tra i 27 e i 30 milioni di euro”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *