Sicilia, analisi del voto in tutte le province: vince asse Pd –...

Sicilia, analisi del voto in tutte le province: vince asse Pd – Area Popolare, non sfonda Salvini

219 views
0
SHARE

In Sicilia vince l’asse tra il Pd e l’Area popolare di Nuovo centrodestra e Udc, avanzano i grillini, non sfonda il ‘barone rosso’ di Enna Vladimiro Crisafulli e alla Regione guidata da Rosario Crocetta si aprono nuovi scenari. A scrutinio ultimato, seppure soltanto a tarda notte, ecco il bilancio delle amministrative 2015. E non mancano le sorprese. Come il ballottaggio per Crisafulli, l’ex senatore certo di vincere “anche con il sorteggio”, costretto a un ritorno alle urne con l’ex Pd Maurizio Di Pietro, appoggiato da pezzi del centrodestra. O la vittoria netta al primo turno, neppure tanto scontata, del deputato Udc Calogero Firetto, eletto sindaco di Agrigento contro Silvio Alessi, vincitore delle tante contestate primarie del centrosinistra poi annullate. Con una coalizione che rispecchia esattamente quella che a Roma sostiene il premier Matteo Renzi, cioè Pd-Udc-Ncd. Il Pd a Marsala va al ballottagio. Il candidato dei democratici, Alberto Di Girolamo, sfiora la vittoria contro Massimo Grillo, sostenuto dai ‘cespugli’ della coalizione di Crocetta, ma non ce la fa. A Villabate, alle porte di Palermo, comune più volte sciolto per mafia, il Pd passa al primo turno con l’ex magistrato in pensione da pochi mesi Vincenzo Oliveri. Mentre non sfonda il leader leghista Matteo Salvini che non riesce a intercettare il voto di protesta. E adesso si prepara la resa dei conti in casa Pd. A partire dal Pdr di Salvatore Cardinale, che ha presentato candidati alternativi in diversi comuni, da Pollina, a Marsala ad Agrigento. In Sicilia l’astensionismo c’è stato ma si è fermato al 35 per cento, perché il 64,4 per cento dei siciliani ha deciso di andare al voto, mentre alle regionali di tre anni fa votò appena il 47 per cento degli isolani.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *