Politica

Sicilia, Crocetta a Sgarbi: “Non occuparti, per favore, né di mafia, né di antimafia. Occupati di arte e cultura”

Pubblicato il Dic 5, 2017
Sicilia, Crocetta a Sgarbi: “Non occuparti, per favore, né di mafia, né di antimafia. Occupati di arte e cultura”

“Caro Vittorio, voglio inviarti un messaggio. Ti conosco troppo per lasciarmi andare a interpretazioni criminalizzanti, per le tue dichiarazioni frettolose e improvvide su di Matteo”. Lo dice l’ex governatore siciliano, Rosario Crocetta, dopo le parole del critico d’arte e assessore regionale ai Beni culturali nella Giunta Musumeci, Vittorio Sgarbi, sul magistrato antimafia Nino Di Matteo. “Se ricordi bene, quando decidesti di candidarti a sindaco di Salemi – dice ancora Crocetta – ti consigliai di lasciar perdere, proprio per le tue posizioni negazioniste sulla mafia. Non mi desti ascolto, il risultato lo conosciamo bene, il Comune venne sciolto per infiltrazioni mafiose”.

“Tu neghi che quelle infiltrazioni ci siano state e lo fai perché non sai leggere la mafia e, quindi, non la sai individuare -prosegue l’ex presidente della Regione siciliana-. Tu sai cogliere la grandezza del ritratto di ‘ignoto marinaio’ di Antonello da Messina, ma non capisci nulla di mafia. Tu non riesci a immaginare la tristezza e la durezza di una vita blindata, con la consapevolezza di essere stato condannato a morte. L’orrore dell’assenza di una normale quotidianità. ‘Chi è solo nell’ombra sa…’ dice un verso di Dario Bellezza e tu non vivi nell’ombra della solitudine a cui è condannato un nemico della mafia”. Poi l’appello al neo assessore: “Non occuparti, per favore, né di mafia, né di antimafia. Occupati di arte e cultura, campi nei quali sicuramente potrai dare un contributo alla Sicilia”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361